Quantcast

A Imperia celebrazione per Nino Lamboglia, padre dell’archeologia subacquea foto

Il ricordo della professoressa Maria Teresa Verda Scajola, docente e studiosa di Storia dell'arte

Imperia. Protagonista indiscusso della storia dell’archeologia in Liguria e in particolare nel Ponente ligure  (dal  piroscafo Artiglio alla  più grande romana scoperta nel Mediterraneo davanti alla costa di Albenga, a quelle di Diano Marina ) la figura di Nino Lamboglia è stata ricordata stamattina nella Cattedrale di San Maurizio.

A Imperia ricordata la figura di Nino Lamboglia

«Lamboglia? Colto, moderno, di mondo.  Lo conobbi da bambina, quando insieme con mio padre, la famiglia e tanti amici del club Alpino, siamo stati più volte nella Valle delle Meraviglie a vedere le incisioni rupestri guidati proprio da lui. Nino Lamboglia mi lasciò un segno. Anni dopo lo rincontrai all’Università di Genova, come professore di archeologia e arte medievale: lo ricordo come uno dei docenti più moderni anche agli esami, tanto che quando interrogava tirava fuori dalle tasche reperti mai visti, da farci schedare, a intuito sul momento. Fu lui a propormi la tesi di laurea sui “I Maestri della pietra“. Poco dopo ci fu la sua tragica scomparsa. La portai a termine, ma con un’altra docente, Colette Dufour», lo ricorda la professoressa Maria Teresa Verda Scajola,consorte del sindaco del capoluogo Claudio Scajola, docente e studiosa di Storia dell’Arte.

Nelle interviste video realizzate da Chiristian Flammia, il ricordo del comandante Flavio Serafini, della presidente della sezione di Imperia dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri di cui Lamboglia è statao presidente e fondatore, Gabriella Stabile Re e dei vicepresidenti del Circolo Parasio Simona Gazzano e Marco Revello. La cerimonia si è svolta in Basilica e non nel cimitero di Porto Maurizio dove è sepolto per precauzioni anti-Covid.

Nino Lamboglia morì il 10 gennaio 1977 precipitando in acqua con la sua auto dalla rampa d’accesso di un traghetto sul molo di Genova.

(foto e video Christian Flammia)