Ventimiglia, polizia arresta spacciatore residente nella città alta. Stile di vita incompatibile con la disoccupazione

Trova in casa cocaina e marijuana

Ventimiglia. Ancora un arresto per droga della Polizia di Stato nel centro storico della città di confine. Gli investigatori del commissariato locale e della squadra mobile della Questura di Imperia hanno arrestato nella flagranza del reato un uomo di 40 anni residente nel quartiere medievale. Fino a ieri l’uomo non era mai stato implicato in indagini di polizia.

Lo stupefacente sequestrato al termine delle perquisizioni personale e domiciliare è stato rinvenuto nel comodino e in un armadio della camera da letto. Oltre a tre dosi di cocaina, circa nove grammi in totale, e quasi diciannove grammi di marijuana, i poliziotti hanno requisito una dose di hashish, circa 430 grammi di bicarbonato, ritenuto essere stato utilizzato come sostanza da taglio. Ancora, due bilance di precisione, un coltello a serramanico e uno smartphone.

Tutti positivi i narco test preliminari già eseguiti dalla Polizia Scientifica. Il quadro complessivo rilevato, la presenza di bilance, sostanza da taglio, dosi già preparate, il tenore di vita incompatibile con lo stato di disoccupazione, testimoniano a favore di una detenzione finalizzata allo spaccio. L’arrestato ha trascorso la notte agli arresti domiciliari, in attesa del processo con rito per direttissima fissato per il giorno seguente e poi rinviato a gennaio. Dopo la convalida della perquisizione, del sequestro e dell’arresto, il giudice ha disposto per l’imputato l’obbligo di firma.