Vallecrosia, somministrate a due centenarie della Zitomirski le prime dosi del vaccino anti Covid-19 fotogallery

Il prezioso plico è arrivato in struttura portato dagli operatori Asl1 scortati dai carabinieri

Vallecrosia. E’ arrivato Vaccine Day della provincia di Imperia. Le prime 80 dosi destinate alle Rsa del Ponente ligure sono state consegnate questa mattina alla Casa di Riposo Rachele Zitomirski quando erano circa le 9:15.

Generico dicembre 2020

Due centenarie hanno fatto da “testimonial” dell’evento. La prima signora ad essersi vaccinata è stata Maria Ciccolunghi di ben 102 anni, originaria di Roma, poi residente a Ventimiglia. La seconda “volontaria” è Santina Davigo, 101 anni di Vallebona. Trasferiti dall’ospedale Borea dagli operatori dell’Asl1, scortati in forze dai carabinieri della stazione matuziana, i vaccini erano arrivati ieri da Genova. Ad accogliere il prezioso plico era presente anche il sindaco Armando Biasi, il vice sindaco Marilena Piardi e l’assessore Patrizia Biancheri. 

Delle prime 80 dosi consegnate nella Rsa, 65 saranno inoculate agli ospiti e 15 agli operatori che lavorano all’interno della residenza sanitaria.

«Siamo stati scelti da Alisa e dalla nostra Asl per questo tipo di attività – dichiara il direttore di Casa Rachele, Mauro VicentiSiamo molto orgogliosi di questo perché consideriamo il vaccino un passaggio fondamentale per poter uscire dalla pandemia e consentire ai parenti degli ospiti di poter riabbracciare i loro cari dopo dieci mesi in cui gli anziani sono rimasti isolati all’interno della struttura, dove non si è registrato nessun caso di Covid-19». Le persone vaccinate oggi dovranno sottoporsi a un richiamo tra una ventina di giorni.

«E’ stato un anno molto impegnativo per tutta la struttura – ha sottolineato il presidente, Rocco Noto -. Grazie comunque alla tenacia di chi lavora all’interno di questa struttura siamo riusciti a tenere gli ospiti Covid-free e siamo felici di poter essere la prima struttura in provincia di Imperia ad essere vaccinata. Questo porterà sicuramente a un miglioramento delle condizioni non solo fisiche, nel senso che l’ospite avrà più garanzie a rimanere immune dal contagio del Covid, ma sicuramente anche dal punto di vista di chi, fuori, purtroppo non ha potuto vedere e toccare il proprio caro e ora ha una speranza di poterlo avvicinare».

Soddisfatto il sindaco Armando Biasi: «Sono orgoglioso perché Vallecrosia ha una struttura, casa Rachele Zitomirski, che è il fiore all’occhiello della nostra provincia, non a caso è stata scelta come primo punto per somministrare il vaccino – ha detto -. Il mio ringraziamento sentito va alla Regione, al presidente Toti, ad Alisa, all’Asl, a tutti i medici e gli infermieri e anche ai carabinieri che oggi abbiamo visto scortare le dosi di vaccino».