Quantcast
Il caso

Sanremo, stabilimento chiede il biglietto per l’accesso alla battigia e viene multato due volte. Comune condannato

I fatti in una spiaggia di Corso Trento Trieste. Il titolare si era rivolto al giudice di Pace

spiagge due porti trento trieste

Sanremo. Non fa entrare bagnanti in spiaggia obbligandoli al pagamento di un biglietto d’ingresso: titolare di uno stabilimento balneare viene multato due volte per lo stesso fatto, fa ricorso e il Comune viene condannato.

Il caso riguarda una spiaggia di Corso Trento Trieste che nel 2015 si era vista sanzionare dal locale Ufficio circondariale marittimo per non aver permesso a un turista di raggiungere la battigia in violazione del regolamento comunale. Pagata la sanzione, lo stesso stabilimento balneare si era visto recapitare, a distanza di qualche tempo, un secondo verbale per la medesima violazione commessa, questa volta da parte del comando dei vigili di via Giusti, i cui agenti avevano svolto insieme ai militari della Capitaneria di Porto una serie di controllo congiunti sul litorale della Città dei Fiori.

Difeso dall’avvocato Alberto Di Febo, il balneatore multato – noto imprenditore della zona – si era rivolto al giudice di Pace per vedersi annullato il secondo verbale, frutto, verosimilmente, di una mancata comunicazione tra uffici pubblici. E’ così che con sentenza dello scorso 19 ottobre, il giudice di Pace di Sanremo, accogliendo nel processo la comunicazione da parte della polizia locale di intervenuta archiviazione della propria ingiunzione, ha deciso per la condanna del Comune al pagamento di importo simbolico pari al quantum della prima sanzione pagata dal balneatore, aggravato dalle spese legali.

leggi anche
artioli
Il commento
Sanremo, cantonata al Tar sul consorzio taxi. Artioli: «Scivolone a spese dei contribuenti»
commenta