No a spostamenti tra Regioni, il Governo chiude alle trasferte di Natale

Non accolte le richieste dei presidenti di Regione. Resta anche il coprifuoco alle 22

Roma. Il governo chiude a possibili allentamenti chiesti dalle Regioni per il periodo di Natale. Lo rende noto l’agenzia Ansa. «Bisogna evitare gli spostamenti tra Regioni e mantenere il limite delle 22 per la circolazione: sono 2 punti centrali e imprescindibili del modello di sicurezza che stiamo costruendo insieme». Così il ministro Francesco Boccia, a quanto si apprende da fonti presenti all’incontro, nella conferenza Stato-Regioni. «Difendiamo insieme – ha detto Boccia – L’impostazione ed evitiamo deroghe perchè potrebbero minare la tenuta stessa dell’impianto».

Il nuovo Decreto del presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm) potrebbe durare almeno fino a domenica 10 gennaio, secondo quanto si apprende da fonti che assistono al vertice governo-Regioni in videoconferenza -, entrando in vigore il 4 dicembre, venerdì prossimo. Il governo – presente anche con il ministro della Salute Roberto Speranza – non avrebbe mostrato alcuna volontà di concedere allentamenti nel periodo delle festività, viene riferito In una seconda fase dell’incontro è previsto l’intervento del commissario all’emergenza Domenico Arcuri sul tema dei vaccini.

Il coprifuoco resta alle 22 anche a Natale e a Capodanno, bar e ristoranti chiuderanno alle 18 come adesso, nelle regioni gialle, come dovrebbero diventare tutte entro le festività. E’ quanto emerge da parte del governo nell’incontro tra il ministro Francesco Boccie e le Regioni.