Quantcast

La poesia nel Rock, Sting e Vasco Rossi sono i Premi Tenco 2020. Edizione televisiva su Rai3

Causa Covid salta la consegna all'Ariston. Un special in onda con immagini dalla Città dei Fiori

Sanremo. Sono Sting e Vasco Rossi, messaggeri della poesia nel Rock, i due nuovi Premi Tenco 2020. L’annuncio ufficiale è avvenuto questa mattina da parte di Secondiano Sacchi, direttore della rassegna dedicata alla musica cantautorale d’autore. A causa dell’emergenza coronavirus, l’edizione di quest’anno non vedrà la consueta tre giorni all’Ariston dove a novembre si sarebbe dovuta tenere la consegna dei premi  e delle targhe Tenco. Sarà uno special trasmesso da Rai3 a riprendere l’evento in versione tv, lunedì 28 dicembre alle 21:30, con immagini girate anche nella Città dei Fiori.

Tra gli attesissimi del cast ci dovrebbe essere anche Marco Castoldi in arte Morgan, in questi giorni tornato al centro delle polemiche dopo gli attacchi rivolti al direttore artistico e conduttore del Festival Amadeus, reo, quest’ultimo, di aver scartato la sua canzone e di aver accettato invece quella dell’ex compagno di squadra Bugo. Morgan nelle ultime due edizioni del Tenco aveva condotto la rassegna al fianco di Antonio Silva, esibendosi con gli artisti premiati durante le serate. Tra gli altri ospiti premiati anche: Tosca, Francesco Guccini, Mauro Pagani, Gianni Siviero e Vincenzo Mollica.

«Abbiamo voluto dare un segnale forte a tutto il mondo della musica, ha aggiunto l’assessore al Turismo Giuseppe Faraldi. Siamo tutti curiosi di vedere lo special della Rai. Sanremo si conferma città della musica nella sua più ampia accezione, penso che il Tenco possa essere considerata come una pietra preziosa incastonata nel diadema della produzione musicale della città». Dal Tenco ringraziamenti unanimi sono arrivati all’indirizzo del Comune e del sindaco Alberto Biancheri.

Generico dicembre 2020

Targhe Tenco 2020. Vincitori e motivazioni

Brunori Sas, Tosca, Paolo Jannacci, Nuova Compagnia di Canto Popolare e i progetti Note di Viaggio – Capitolo 1: venite avanti in ex aequo con Io credevo. Le canzoni di Gianni Siviero sono i vincitori delle Targhe Tenco 2020, il riconoscimento assegnato dal 1984 ai migliori dischi italiani di canzone d’autore usciti nel corso dell’anno trascorso. Gli artisti e i progetti discografici sono stati votati dalla più ampia giuria in Italia composta da giornalisti e critici musicali.

Il cantautore Brunori Sas con l’album Cip! (Island Records, Universal Music Italia) si aggiudica la Targa Tenco per il Miglior Album in assoluto con 56 voti. Gli altri finalisti, in ordine di preferenze ottenute, erano: Paolo Benvegnù /Dell’odio dell’innocenza (48 voti); Diodato / Che vita meravigliosa (45 voti); Perturbazione /(dis)amore (24 voti); Luca Madonia / La Piramide (21 voti).

“Ho amato tutto” cantata da Tosca e scritta da Pietro Cantarelli (Leave Music/Officina teatrale distr. Sony Music Italy) ha ottenuto il maggior numero di voti (52) aggiudicandosi la Targa per la Miglior Canzone, che, ricordiamo, va agli autori dei brani e non agli interpreti. A contendersi il primo posto: Diodato / Che vita meravigliosa (51 voti); Rancore / Eden (40 voti); Giacomo Lariccia / Limiti (25 voti); Beppe Gambetta / Dove Tia O Vento (24 voti).

Tosca con Morabeza (Leave Music/Officina Teatrale distr. Sony Music Italy) è risultata la più apprezzata per la categoria Interpreti di canzoni non proprie (93 voti). Tra i finalisti: The Niro / The Complete Jeff Buckley & Gary Lucas Songbook (57 voti); Peppe Fonte / Le canzoni di Piero Ciampi e Pino Pavone (19 voti); Beppe Dettori / (In)canto rituale – Omaggio a Maria Carta (12 voti); Maria Mazzotta / Amore Amaro (12 voti).

Per la sezione Opera Prima la vittoria è andata a Paolo Jannacci con Canterò (Ala Bianca Group) con 68 preferenze. Facevano parte delle nomination: Buva / Quarantena (32 voti); Liana Marino / Partenze (28 voti); Lelio Morra / Esagerato (27 voti); Réclame / Voci di corridoio (26 voti).

Per la targa miglior album in dialetto, l’opera più apprezzata è stata quella della Nuova Compagnia di canto popolare (con 61 voti), Napoli 1534. Tra moresche e villanelle (Squilibri editore). Gli altri candidati erano: Alfio Antico / Trema la terra (41 voti); Daniele Sepe / Le nuove avventure di Capitan Capitone (36 voti); Eleonora Bordonaro / Moviti Ferma (31 voti); Sara Marini / Torrendeadomo (18 voti).