Coronavirus e scuola, Regione Liguria proroga i termini di rendicontazione per l’acquisto di tablet e connettività

Le famiglie con domande già inserite nelle graduatorie di Filse avranno tempo fino al 20 dicembre per acquistare le attrezzature informatiche e/o il traffico dati e trasmettere la relativa documentazione a Filse

Genova. Regione Liguria proroga i termini di rendicontazione per l’acquisto di tablet e connettività per svolgere attività didattica a distanza. Le famiglie con domande già inserite nelle graduatorie di Filse avranno tempo fino al 20 dicembre per acquistare le attrezzature informatiche e/o il traffico dati e trasmettere la relativa documentazione a Filse. Sono oltre 5.500 le famiglie interessate da questa proroga. Il protrarsi dell’emergenza rende infatti necessario continuare a sostenere i giovani e i loro familiari nella formazione scolastica.

«Vista la necessità ancora attuale per le famiglie di ricorrere alla didattica a distanza e alle connessioni – spiega l’assessore Cavo – abbiamo deciso di dare ancora tre settimane di tempo per rendicontare l’acquisto di tablet o di connettività a quelle famiglie che avevano fatto domanda a Filse, nell’ambito del bando tablet emanato da Regione Liguria lo scorso aprile, e per le quali Filse aveva già fatto un’istruttoria facendole rientrare in graduatoria.

Avranno tempo fino al 20 dicembre per raccogliere la documentazione che certifica l’acquisto o per procedere all’acquisto stesso nel caso in cui non lo avessero ancora portato a termine. E’ un’opportunità in più che vogliamo dare in un momento di difficoltà per poter accedere alle risorse – ricordiamo che il voucher vale un massimo di 500 euro – per quei nuclei familiari che già sapevano di aver avuto un riscontro positivo alle loro domande e che senza una proroga rischiavano di perdere un’opportunità». Dei 7 milioni di euro stanziati dal bando, quasi 4 milioni sono già stati erogati o in corso di erogazione.