Consiglio regionale, piano strategico post Covid del turismo tra i punti all’ordine del giorno

Affrontati diversi temi

Genova. Nella mattinata di oggi si è svolto il Consiglio regionale. Sono stati affrontati diversi temi:

Nota di Aggiornamento al Documento di economia e Finanza 2021-23
Il Consiglio regionale con 19 voti a favore (maggioranza di centro destra) e 11 contrari ha approvato la Nota di Aggiornamento al Documento di economia e Finanza 2021. La Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza Regionale per gli anni 2021-2023 aggiorna gli scenari macroeconomici tendenziali e programmatici illustrati nel DEFR approvato a luglio è le previsioni per il 2021 e gli anni successivi acquisendo gli elementi che derivano dalla Nota di Aggiornamento al DEF nazionale deliberata dal Consiglio dei Ministri il 5 ottobre scorso.

Inoltre sono state aggiornate e integrate le parti relative alla descrizione delle politiche messe in campo dall’amministrazione a sostegno delle famiglie e dei settori economici volte a fronteggiare la crisi economica della fase pandemica in corso. Nel documento vengono delineati gli obiettivi che danno corpo alle politiche regionali in armonia con il programma di legislatura oltre alle linee guida e gli indirizzi alle società partecipate regionali, agli enti strumentali e agenzie regionali per il triennio 2021/2023. Vista la situazione epidemiologica in atto a livello globale e l’emergenza sanitaria ed economica che ne conseguono, il documento è profondamente condizionato nelle sue valutazioni e nelle proiezioni a tutti i livelli compreso quello regionale.

Le previsioni sul PIL 2020 rimangono negative, mentre le previsioni per il 2021 sono ancora decisamente positive, anche in virtù della speranza che si ripone nella distribuzione vaccinale. In questo quadro, complesso e a tratti difficilmente definibile, la Regione declina le proprie decisioni di bilancio a politiche invariate per garantire tutte le funzioni offerte alla comunità regionale sia sotto il profilo dell’impulso agli investimenti pubblici, del sostegno alle attività economiche e all’occupazione, oltre alla missione fondamentale della gestione e organizzazione del servizio sanitario regionale e delle politiche sociali ad esso strettamente collegate. Con la manovra di bilancio 2021, alla luce del quadro finanziario delineato, si varano importanti misure per sostenere e rilanciare il sistema economico e per attutire gli effetti della pandemia sul tessuto produttivo.

Respinto un emendamento presentato da Luca Garibaldi (Pd-Articolo Uno). Nel dibattito prima del voto sono intervenuti Luca Garibaldi, Sergio Rossetti, Davide Natale e Enrico Icoculano del gruppo Pd-Articolo Uno, Fabio Tosi (Mov5Stelle), Ferruccio Sansa (Lista Ferruccio Sansa Presidente).

Area di crisi complessa Savona
Approvato all’unanimità un ordine del giorno presentato da Roberto Arboscello (Pd-Articolo Uno) e sottoscritto da tutto il gruppo, che impegna la giunta ad assicurare (all’interno dei fondi già stanziati) un livello di risorse adeguate alla previsione di specifici interventi a sostegno delle imprese nell’Area di crisi complessa per incentivare investimenti in continuità con le azioni attivate e di attivare percorsi formativi di ricollocazione dei lavoratori inseriti nel bacino.

Piano strategico regionale post Covid del turismo
Approvato all’unanimità un ordine del giorno presentato da Roberto Arboscello (Pd-Articolo Uno) e sottoscritto da tutto il gruppo, che impegna la giunta a istituire un tavolo regionale con le categorie interessate e i Comuni per realizzare un Piano Strategico regionale per lo Sviluppo turistico regionale post–covid.

Fabio Tosi (Mov5Stelle), Angelo Vaccarezza e Lilli Lauro di Cambiamo con Toti presidente) hanno aggiunto in aula la propria firma al documento.

Crollo ponte Morandi, indennizzi per la “zona arancione”
Approvato all’unanimità un ordine del giorno presentato da Luca Garibaldi (Pd- Articolo Uno) e sottoscritto da tutto il gruppo, che impegna la giunta proseguire l’impegno per la rivalutazione e la riassegnazione degli indennizzi per i beneficiari che risiedono nella “zona arancione” e di attivarsi presso il Governo affinché venga posticipata la scadenza degli effetti del decreto Genova con le risorse residue assegnate allo stesso decreto.

Fabio Tosi (Mov5Stelle), Angelo Vaccarezza e Lilli Lauro di Cambiamo con Toti presidente) hanno aggiunto in aula la propria firma al documento.