Aumento dei canoni demaniali per pescatori, Piana: «In Liguria settore colpito da crisi, Governo ritorni sui propri passi»

«A Roma è stato approvato un ordine del giorno che prevede un intervento normativo su questo tema già nel primo provvedimento possibile»

Genova. «L’aumento dei canoni demaniali deciso dal Governo coinvolge in maniera pesantissima anche i settori della pesca e dell’acquacoltura: dal 31 dicembre, con l’entrata in vigore del provvedimento, crescerà di ben sette volte. In questo 2020 il settore è stato colpito dall’emergenza Covid in modo particolarmente duro: è necessario che il Governo ritorni sui propri passi». Così dice il vicepresidente e assessore alla Pesca Alessandro Piana.

«Il Dl Agosto ha rivisto i criteri di calcolo del canone relativo alle concessioni demaniali marittime, coinvolgendo diverse categorie tra cui appunto i pescatori – aggiunge Piana – Già nei giorni scorsi a Roma è stato approvato un Ordine del Giorno che prevede un intervento normativo su questo tema già nel primo provvedimento possibile».