Quantcast

Sanremo, piedi di persone affette da Alzheimer: i consigli del podologo

La guida per la cura dei piedi realizzata dalla dottoressa Marika Manera

Sanremo. Una corretta cura del piede ci garantisce un considerabile miglioramento della qualità della vita ad ogni età, soprattutto nelle persone anziane, in particolare nelle persone affette da Alzheimer.

I consigli del podologo.

Camminare è l’attività migliore che possiamo consigliare a qualsiasi persona anziana, ma è necessario prestare le cure necessarie ai nostri piedi per poter mitigare gli effetti del tempo. Per questo motivo, se un esame podologico è indicato per una persona anziana, diventa molto più importante in un paziente con Alzheimer, poiché la perdita delle capacità cognitive renderà molto difficile curare adeguatamente i piedi.

Piede Alzheimer

In che modo questa malattia influisce sulla salute dei piedi di un paziente con Alzheimer? Quale consiglio dovrebbe essere seguito?

Qualsiasi piccola lesione in un paziente senza questa malattia non avrebbe rilevanza (come un graffio provocato da una scarpa), ma nei pazienti con Alzheimer può avere conseguenze molto peggiori, poiché la persona non è in grado di accorgersi di detta lesione e può trasformarsi in un’ulcera con il conseguente rischio di infezioni e complicanze.
Inoltre, con il progredire della malattia, osserveremo una maggiore instabilità durante la deambulazione. Nelle fasi iniziali della malattia, una corretta diagnosi dell’appoggio ed eventuali terapie ortesiche plantari miglioreranno la stabilità durante il cammino, evitando rischi aggiuntivi come la caduta.

Piede Alzheimer

Quali i consigli per la cura dei piedi di un paziente con Alzheimer?

1. Tagliare le unghie correttamente. Taglio dritto delle unghie dei piedi, evitando angoli che favoriscono lo sviluppo dell’unghia incarnita.
2. Idratazione dei piedi. Idratare i piedi ogni sera prima di dormire con creme podologiche. Tra le creme più adatte ci sono quelle a base di urea, per migliorare l’elasticità della cute e ridurre il rischio di lesioni.
3. Evitare i callifughi o sostanze chimiche. Non usare mai callifughi per trattare calli o duroni, poiché possono generare un’ustione che può complicarsi.
4. Visita podologica. In caso di segni di instabilità, come cadute frequenti, si consiglia di effettuare, dal podologo, lo studio biomeccanico del passo per valutare la possibilità di migliorare l’appoggio attraverso plantari personalizzati e calzature adeguate.

 

La dottoressa Marika Manera, visita :

Sanremo, Ambulatorio Fisiomed in corso Cavallotti, 22 per appuntamenti : 0184 634450

Bordighera, centro Bordighera Salute in via Roma, 5 per appuntamenti : 0184 261598

Alassio, centro medico Ippocrate in via Verdi, 6 per appuntamenti : 0182 646710

Pisa, centro medico You in viale Italia, 2 per appuntamenti : 0587 734714

Approfondimenti su: podologomanera.it

 

(Photo 1 by Robina Weermeijer on Unsplash, Photo 2 by Matthew Bennett on Unsplash)