Quantcast

Sanremo, nuovo focolaio Covid in casa di riposo al Don Orione

Nei giorni scorsi altri dieci casi erano stati riscontrati a Casa Serena

Sanremo. Nuovo focolaio di coronavirus tra le mura di una residenza protetta per anziani della Città dei Fiori, precisamente al Don Orione di via Galilei. A comunicarlo ufficialmente è il direttore Don Gianni Castignoli che si è rivolto alle famiglie degli ospiti per segnalare l’insorgere di alcuni casi positivi riscontrati dai primi tamponi rapidi effettuati nel corso della giornata di ieri su pazienti che mostravano febbre e altra sintomatologia compatibile con il Covid-19.

«Ci sentiamo in dovere di informarvi che presso il modulo RSA di mantenimento 6° piano Don Ghiglione, da sabato notte scorso (14/11/2020) si sono verificati diversi casi di febbre in alcuni pazienti; prendendo in considerazione la preoccupante situazione territoriale per l’alta circolazione del virus Sars Cov 2, da domenica mattina, lo staff medico e sanitario si è speso per valutare la situazione clinica dei pazienti sospetti e impostare precoci terapie, così Don Gianni.

Da ieri sono in corso accertamenti per Covid-19 che continueranno anche nella giornata di oggi. Da esami preliminari effettuati ieri pomeriggio (esecuzione di tampone antigenico da parte dello staff interno) è presumibile la comparsa di alcuni casi positivi per Covid-19 nel suddetto modulo.

La direzione sanitaria insieme allo staff sanitario ha predisposto l’isolamento del reparto e sta lavorando in continuazione per impedire il diffondersi del virus. I parenti o gli Ads dei pazienti presumibilmente positivi sono stati immediatamente avvisati con una telefonata e sono state date loro le informazioni del caso. Ci teniamo, infine, a precisare che continueremo a lavorare con il massimo impegno e con trasparenza, come dall’inizio della pandemia, in quanto tutti siamo inseriti in un contesto di emergenza globale».

Il Don Orione, storica residenza protetta per anziani, gestita dalla curia e situata a pochi passi dalla Madonna della Costa, è la seconda casa di riposo in cui è riuscito a penetrare il virus. La prima era risultata essere Casa Serena.