Quantcast

Sanremo, l’Accademia della Pigna si esprime sulla questione Santa Brigida/De Stefani

Dà la propria adesione morale alla soluzione prospettata dall’assessore Ormea: intitolare ufficialmente la piazza a Santa Brigida con una “dedica” a Gin De Stefani

Sanremo. In questi ultimi giorni, soprattutto sui social, si sono scatenate alcune polemiche inerenti l’intitolazione di uno spazio pubblico cittadino al poeta e commediografo Gin De Stefani. L’iniziativa intrapresa dall’Amministrazione circa quattro anni fa era rimasta in sospeso per via della contrarietà di una parte della cittadinanza residente nelle vicinanze dello spazio individuato, un piazzale nella Pigna di Sanremo che non aveva ancora una denominazione ufficiale ma che, da molti anni, era chiamato dalla popolazione “Piazza Santa Brigida”.

In una dichiarazione rilasciata il 16 novembre 2020, l’assessore alla Cultura Silvana Ormea ha annunciato la soluzione che l’Amministrazione intende adottare per conciliare le varie istanze: intitolare ufficialmente la piazza a Santa Brigida con una “dedica” a Gin De Stefani.

L’Accademia della Pigna, una delle associazioni che avevano sostenuto fin dall’inizio l’omaggio a De Stefani proposto dal proprio compianto Accademico Franco D’Imporzano, e composta da molti studiosi di cultura storica locale e non, tra i quali Fulvio Cervini, Alessandro Giacobbe, Alfredo Moreschi, Bruno Monticone, Federica Flore, Freddy Colt, Elio Marchese, Alberto Guglielmi Manzoni, ha condotto in questi ultimi giorni una consultazione in merito. A seguito di discussione interna e in ragione delle ultime dichiarazioni ufficiali l’Accademia intende dare la propria adesione morale alla soluzione prospettata dall’assessore, anche se risulta un po’ anomalo che una piazza “intitolata” ad un personaggio storico come Santa Brigida di Svezia (che ha comunque ha relazione con la storia del territorio) sia poi “dedicata” ad un altro personaggio.

In una sua nota stampa si è espresso inoltre l’assessore regionale al Turismo Gianni Berrino che propone per De Stefani, in quanto commediografo dialettale, l’intitolazione del Teatro del Casinò. Gli Accademici della Pigna da parte loro vedrebbero bene una reintestazione dell’ex Oratorio di Santa Brigida, dal momento che da tempo non è più luogo di culto e negli ultimi anni è stato destinato a spettacoli e manifestazioni artistiche. Non sembrerebbe fuori luogo che quel salone possa chiamarsi “Sala Teatro Gin De Stefani” (purché opportunamente attrezzato ed utilizzato in futuro), poiché la memoria della santa svedese viene perpetuata con l’intitolazione ufficiale della piazza.