Quantcast

Professioni sanitarie tecniche, di riabilitazione e prevenzione dimenticate da manovra di bilancio 2021: l’appello dell’Ordine di Imperia

Prevede infatti un riconoscimento per le sole categorie dei medici e infermieri

Imperia. La manovra di bilancio 2021, in fase di discussione, dimentica i tecnici sanitari di radiologia medica, delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (TSRM- PSTRP). La bozza della manovra prevede infatti, a partire dal 1° gennaio 2021, riconoscimento per le sole categorie dei medici e infermieri (art. 65 recante Disposizioni in materia di indennità di esclusività della dirigenza medica e art. 66 recante Disposizioni in materia di retribuzione degli Infermieri del Servizio sanitario nazionale).

«In Liguria sono circa 8mila i professionisti che ogni giorno lavorano per garantire la salute dei cittadini – afferma Antonio Cerchiaro, neo presidente dell’Ordine TSRM PSTRP di Genova, Imperia e Savona – Non si sono mai fermati, hanno sfidato il Covid e, talvolta, si sono ammalati. Per questo riteniamo che questi professionisti meritino la stessa valorizzazione delle competenze e delle specifiche attività svolte, come riconosciuto a medici e infermieri».

La prima bozza del disegno di legge di bilancio 2021 non tiene conto degli sforzi compiuti, e che tutt’ora stanno compiendo, tutte le figure che afferiscono al maxi ordine delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione che conta in Italia 186 mila professionisti della salute e 19 categorie di lavoratori. Altro tema centrale riguarda i liberi professionisti, che hanno dovuto provvedere autonomamente sia all’acquisto dei disposi6vi di protezione, sia a effettuare la diagnostica per l’esecuzione di tamponi molecolari o test sierologici: «Come Ordine, chiederemo al governo Conte di valorizzare tutti i professionisti sanitari iscritti e di riconoscere quanto fatto – continua Cerchiaro – Si tratta di un impegno che i nostri professionisti, sempre più numerosi, non hanno fatto mancare alla cittadinanza fin dall’inizio dell’emergenza».

L’Ordine dei TSRM PSTRP di Genova, Imperia e Savona si rende disponibile a collaborare con Regione Liguria e sindaca6 per ridefinire l’offerta sanitaria del territorio ligure e per riconoscere il giusto valore alle Professioni Sanitarie.