Pipì dei cani, obbligo di bottiglietta a Imperia: scattano i controlli dei vigili in borghese

Proprietari favorevoli alla stretta del Comune, quelli controllati finora erano in regola

Imperia. I primi test sono stati positivi: agenti di Polizia locale in borghese hanno effettuato nei giorni scorsi diversi controlli mattutini, dalle 6.30 alle 8.30, con lo scopo di verificare l’osservanza dell’ordinanza comunale firmata dal sindaco Claudio Scajola nell’ottobre scorso che obbliga i proprietari dei cani a dotarsi di bottiglietta per lavare la pipì dei propri amici a 4 zampe.

collage bottigliette cani

Secondo quanto riferito dal Comando di via Spontone, tutte le persone controllate erano dotate di bottiglietta e sacchetti per raccogliere le deiezioni. Chi ne fosse trovato sprovvisto o colto sul fatto a non usarla  o a evitare di raccogliere i “ricordini” incorre in una sanzione che, a seconda della gravità dell’infrazione, può arrivare fino a 500 euro. Per chi fosse privo di bottiglietta il verbale è di 300 euro. I controlli dalla prossima settimana saranno estesi anche nella fascia serale, dalle 18 alle 22.

Le opinioni raccolte in città da parte dei proprietari dei cani sono, comunque, unanimi: tutte le persone intervistate si sono dette favorevoli alla “stretta” decisa dal Comune.

L’ordinanza prevede che sul territorio comunale di Imperia, i proprietari e/o i detentori di cani dovranno, in tutte le aree pubbliche, utilizzare il guinzaglio di misura non superiore al metro e mezzo, portare con sé strumenti idonei all’asportazione delle feci oltre a disporre di acqua per lavare le deiezioni liquide. Quanto raccolto dovrà essere gettato nei contenitori portarifiuti o negli appositi contenitori per deiezioni canine.

(foto e video Cristian Flammia)