Quantcast

Imperia, hacker violano conto corrente di un avvocato e tentano di rubare più di 9mila euro

Due messaggi poi la telefonata sospetta

Imperia. Alcuni hacker sono riusciti a violare il conto corrente dell’avvocato imperiese Antonella Micali, e sono quasi riusciti ad effettuare un bonifico di 9.100 euro a favore di un loro complice. E’ successo lo scorso 19 novembre. Se la truffa non è andata in porto è grazie ai sistemi di sicurezza della banca e all’intuito del legale.

Tutto è iniziato con un messaggio di Banca Intesa San Paolo, l’istituto di credito dove l’avvocato ha un conto corrente. Nel messaggio, Micali viene avvisata di un’operazione sospetta. «Gentile cliente, abbiamo rilevato un accesso anomalo al suo conto business segua la procedura per verificare…», si legge nel messaggio.

Subito dopo arriva un secondo sms, in cui si chiede di approvare un bonifico di 9.100 euro. Passano pochi minuti e l’avvocato riceve una telefonata: è un uomo, che dice di essere un operatore della banca, che avverte Antonella Micali dell’operazione sospetta, tenta di tranquillizza dicendo che l’istituto ha già bloccato conto e carte di credito. Poi chiede di conoscere il codice inviato tramite sms per completare l’operazione. L’avvocato, a questo punto, attacca il telefono e chiama la banca, quella vera, dalla quale risulterà che nessun (vero) impiegato l’ha mai chiamata. A quel punto il conto viene bloccato per davvero prima che qualcuno, che con ogni probabilità è riuscito ad accedere al conto della donna e conosce anche il suo numero di cellulare, possa mettere a segno il conto.