Cittadino segnala alla polizia un’effrazione in casa della suocera, giovane imperiese arrestato per spaccio

E' successo nell'entroterra del capoluogo

Più informazioni su

Imperia. La Polizia di Stato, nei giorni scorsi, ha arrestato in flagranza un diciannovenne italiano, con l’accusa di detenzione finalizzata allo spaccio di droga. Tutto nasce dalla segnalazione di un cittadino in merito ad un’effrazione, perpetrata da parte di tre giovani, ai danni dell’abitazione della suocera nel primo entroterra imperiese.

Giunti sul posto, i poliziotti avevano i tre attorno a un tavolo, intenti a ripulire numerose infiorescenze di marijuana dai residui di fogliame annessi.
Di fronte all’evidenza dei fatti, la confessione: uno dei tre giovani, con pregiudizi di polizia specifici, aveva ammesso di essersi procurato un ingente quantitativo di sostanza stupefacente da “raffinare” e di aver chiamato due ragazzi, a lui noti come consumatori, per ricevere aiuto nelle operazioni.

Questi ultimi, come corrispettivo per l’opera prestata, avrebbero ricevuto una modica quantità della sostanza. L’attività investigativa proseguiva con la perquisizione del domicilio del reo confesso, grazie la quale si rinveniva un’ulteriore modica quantità di sostanza stupefacente di tipo hashish.

Alla luce di quanto emerso, il giovane veniva tratto in arresto per il reato di detenzione finalizzata alla cessione di sostanze stupefacenti. I ragazzi venivano inoltre deferiti all’Autorità Giudiziaria per la violazione di domicilio commessa.

Più informazioni su