Quantcast

Ventimiglia, storia d’amore finisce male: donna manda i fratelli a picchiare il partner

La vittima avrebbe più volte minacciato di rendere pubbliche su internet alcune immagini erotiche scattate durante gli incontri intimi

Più informazioni su

Ventimiglia. Intervento risolutivo della volante della Polizia di Stato, durante la sera del 11 ottobre scorso nel centro cittadino, dove gli agenti, allertati dalla Sala Operativa per una violenta aggressione in corso, sono riusciti a bloccare e disarmare due individui, uno dei quali armato di uno sfollagente metallico, intenti a colpire un uomo già riverso al suolo.

La vittima, un giovane di nazionalità tunisina, era già stato ferito al capo e aveva il volto insanguinato. L’arresto da parte degli operatori del Commissariato di Pubblica Sicurezza è scattato nella piena flagranza del reato di rapina aggravata e lesioni personali dolose in concorso.

L’azione dei poliziotti si è poi rivelata provvidenziale per impedire conseguenze ben più gravi al malcapitato sottoposto al pestaggio che, successivamente alla visita medica, è stato giudicato guaribile in 14 giorni.

L’uomo, 23 anni, regolare in Italia, residente in provincia di Ragusa, ha raccontato poi agli agenti che in precedenza le stesse persone lo avevano anche minacciato con una pistola e rapinato di tutti i suoi averi, un telefono smartphone e 320 euro.

A conferma della sua testimonianza, i poliziotti hanno ritrovato sul veicolo in uso agli aggressori lo smartphone rubato ed un’arma che hanno verificato essere una pistola giocattolo, ma priva del prescritto tappo rosso e del tutto simile a quelle autentiche.

Una donna rintracciata subito, nelle vicinanze, anch’essa di origine tunisina, ma francese di nazionalità e residente a Tolone, si è rivelata essere la sorella dei due aggressori e la partner della vittima. Sottoposta a perquisizione personale e veicolare ha subito il sequestro di una bomboletta spray urticante e di un coltello.

Sono tuttora in corso accertamenti, anche per tramite della polizia francese, per dirimere le evidenti contraddizioni delle contrapposte versioni fornite agli agenti dalle parti coinvolte. Dalle prime verifiche tutto risulterebbe riconducibile alla turbolenta relazione sentimentale a distanza, iniziata da circa un anno sui social network e proseguita con incontri concordati nella città di Ventimiglia, dove la donna, proveniente da Tolone in Francia incontrava saltuariamente la vittima, proveniente da Ragusa, in Sicilia.

La polizia sta verificando la veridicità di alcune dichiarazioni sia della donna che della vittima, entrambi poi querelatisi a vicenda con reciproco scambio di accuse. Secondo la donna, la vittima avrebbe più volte minacciato di rendere pubbliche sulla rete internet alcune immagini erotiche scattate durante gli incontri intimi. A dire della vittima, invece, sarebbe stata la sua partner a contrastare duramente la decisione di concludere la relazione sentimentale.

Sta di fatto che, indotta la vittima a recarsi a Ventimiglia con la scusa di partecipare ad uno dei consueti e periodici incontri, questi ha trovato ad attenderlo i due fratelli della partner, appositamente arrivati da Tolone, armati di finta pistola e manganello, decisi a punirlo con un brutale pestaggio che solo il rapido intervento degli Agenti di Polizia ha scongiurato.

Il giorno successivo i Giudici del Tribunale di Imperia hanno convalidato gli arresti e disposto per i due fratelli il divieto di dimora nelle province di Imperia, Cuneo, Savona Torino.

Più informazioni su