Quantcast

Tennis, il badalucchese Vincenzo Curinga vince il Master dello Slam by Head

Ha vinto tutte e le tre partite del suo girone

Badalucco. Si conclude oggi col Master la tappa finale e decisiva dello Slam by Head presso il Tc Pegli, iniziato a gennaio presso il Tc La Spezia, per proseguire al Break Point di Savona e vedere l ultima tappa a Genova presso la Lubrano Accademy.

Vincenzo Curinga si è qualificato fra i primi 8 con 280pt, lasciando il secondo Tommaso Cozzani a 200pt, accedendo così al Master Finale, di cui oggi si giocava la finale.

Splendide le sue prestazioni in queste ultime due settimane al Master, in cui ha vinto tutte e le tre partite del suo girone, contro Simone Moiso 6-3 6-1, Roberto Bellotti 6-3 7-5, Federico Magliano 6-3 6-1, per vincere poi la semifinale contro Valentino Lanteri 6-1 6-0 e la finale contro Tommaso Cozzani 6-2 7-5.

Vincenzo si racconta così: «Sono abbastanza entusiasta del mio percorso in questo Master, ho tenuto un buon ritmo in ogni partita, e ho messo in campo tutto ciò che ogni giorno faccio in allenamento. Sono stato davvero fortunato perché anche durante il lockdown ho avuto gli spazi per allenarmi, e finito il lockdown il Comune di Montalto Carpasio mi ha messo a disposizione per 8 ore al giorno il campo da tennis, in accordo col gestore signor Birocchi, che ringrazio.

Da un mese è ricominciata la scuola e purtroppo posso allenarmi solo 3 ore al giorno, recuperando un po di ore il sabato, ma grazie al mio coach Leopoldo Di Giacomo riesco comunque a portare avanti il nostro progetto, come dice lui… Mi da ogni giorno una motivazione, e io ci credo davvero. So che la strada sarà lunghissima, i miei genitori mi mettono sempre in guardia, ma io ho 10 anni e questo è il mio sogno.

Ho delle persone fantastiche intorno, e degli sparring di alto livello, Antonella Orengo e Dino Secondo, che sono quotidianamente a mia disposizione, e per questo li ringrazio! Sono felice di questa mia vittoria, e ringrazio Head per il contratto di fornitura abbigliamento per il 2021; grazie sempre a Wilson che mi fornisce le racchette. E poi questa vittoria nel Master ha il mio primo record personale, non ho mai perso un set!!! Sono felice».

Il coach racconta: «Abbiamo chiuso la stagione vincendo un torneo di livello alto, il Master finale che racchiude tre tornei precedenti e tre province diverse, torneo sponsorizzato dalla Head. Da domani si inizia un percorso nuovo, perché da gennaio Vincenzo passerà under 12, quindi si lavorerà cercando di migliore aspetti che la nuova categoria impone, un attenzione maggiore e accurata a livello tecnico, tattico e soprattutto mentale; dovrà migliorare tantissimo il servizio e i cambi di ritmo all interno dello scambio; dovrà imparare a condurre la partita nei momenti importanti. Il mio compito è quello di aiutarlo a tirare fuori il suo massimo in questa evoluzione di giocatore di livello e devo sviluppare anche il grosso potenziale che ha naturalmente dentro di sé.

Gli impegni futuri saranno diversi con convocazioni regionali e ancor di più nazionali. Il primo torneo che Curinga affronterà nella nuova categoria sarà a gennaio a Roma, il Lemon Bowl, torneo di livello Internazionale con under 12 da tutto il mondo».