Quantcast

Movida a Sanremo, un turista piemontese: «E’ l’unico territorio dove d’estate alle 22 è tutto chiuso»

«Continua a non esserci una ormai indispensabile moderna mentalità turistica»

Più informazioni su

Sanremo. Un lettore della provincia di Cuneo ci ha inviato una lettera per commentare le proteste sullo stop alla movida sanremese, sollevate da parte dei titolari dei locali che ne ricavano un utile economico.

«Il fatto stesso che vi segua e che vi scriva nonostante io abiti a Bra, la dice lunga sul mio legame affettivo verso il vostro territorio dove mi reco ogni volta che mi sia possibile, purtroppo vorrei poterlo fare assai più spesso.
Confesso che, col massimo del rispetto, mi ha fatto un po’ sorridere la notizia delle proteste per la chiusura alle 24 della cosiddetta movida a Sanremo. Il motivo è che Sanremo, e praticamente tutta la Liguria, nonostante la fama per il clima e le bellezze che ha, è probabilmente l’unico territorio turistico che continua d’estate a portare avanti un orario dei negozi normale come durante tutto l’anno, e a luglio, alle 22, quando uno farebbe una bella passeggiata serale tra i negozi, come avviene ovunque d’estate, trova tutto chiuso.

E questo lo dico perché mi dispiace proprio per la mia affezione verso la vostra città e la vostra bella Riviera. Continua a non esserci una ormai indispensabile moderna mentalità turistica a servizio delle esigenze del turista e non viceversa. Spiagge e lungomari trascurati fanno il resto, vanificando in parte il dono che il buon Dio o il fato hanno fatto al vostro territorio di tante bellezze naturali e di un clima che tutti invidiano. A quando, finalmente, uno scatto, un salto di qualità e di mentalità nell’accoglienza turistica? Tutto il territorio e la popolazione ne trarrebbe grande giovamento» – scrive un lettore di Bra, in provincia di Cuneo.

Più informazioni su