Quantcast
Solidarietà

Imprenditore monegasco dona 6mila mascherine a Ventimiglia

Con il gesto, l'imprenditore ha voluto sottolineare la vicinanza con la città di confine, dove risiedono 120 dei suoi 190 dipendenti

Ventimiglia. Un imprenditore monegasco ha donato 3mila confezioni contenenti per un totale di 6mila mascherine lavabili e riutilizzabili 100 volte al comune di Ventimiglia. La consegna dei dispositivi di protezione individuale è avvenuta stamani in presenza del sindaco Gaetano Scullino.

Con il gesto, l’imprenditore ha voluto sottolineare la vicinanza con la città di confine, dove risiedono 120 dei suoi 190 dipendenti. «E’ vero che le mascherine non aiutano Ventimiglia per l’evento alluvionale che l’ha colpita la scorsa settimana – ha spiegato Philippe Prud’Homme, amministratore delegato della società Bettina, specializzata nella produzione di maglieria nel settore del  prêt-à-porter di lusso – Ma abbiamo voluto aiutare a contrastare il Covid-19, soprattutto per tutelare i soggetti più deboli: gli anziani». Oltre a Ventimiglia, la società ha già aiutato Breil-sur-Roja, la Vesubie e Nizza. 

Le mascherine serviranno per coprire le esigenze di agenti della polizia locale e lavoratori e ospiti delle residenze sanitarie assistite. Altre verranno distribuite dal comune a chi ne avrà bisogno. Non è escluso che la società porti altre mascherine per coprire la restante parte della popolazione ventimigliese.

A mettere in contatto l’amministrazione con Prud’Homme è stato l’avvocato Pio Guido Felici, assessore della precedente giunta guidata dal sindaco Ioculano. A occuparsi della distribuzione delle mascherine sarà Domenico “Nico” Martinetto.

commenta