Quantcast

Imperia, mensa all’asilo del Prino ancora chiusa: mamme sulle barricate

La struttura esterna prefabbricata è in attesa di collaudo

Imperia. Scuola dell’infanzia senza mensa, si alza la proteste delle famiglie i cui figli sono iscritti Asilo del Prino: la struttura prefabbricata esterna costruita per garantire ai bambini spazi adeguati in tempo di Coronavirus,  che dovrebbe ospitare due sezioni, è stata posizionata dal 28 settembre, ma mai aperta tanto che due classi di piccoli alunni continuano a fare le lezioni, appunto, nei locali della mensa che, pertanto, non è stata mai attivata.

«Il Comune continua a rinviare col risultato che siamo costretti a riprenderci i bambini per il pranzo con estremo disagio da parte delle famiglie obbligate ad attrezzarsi diversamente per farli accudire da qualcuno. Ci sono genitori lavoratori dipendenti che hanno già dato fondo a permessi e ferie, mentre chi ha un lavoro in proprio, come, per esempio, i commercianti, è costretto ad affidarsi a nonni o baby sitter», spiega una mamma.

«L’ultima proposta che abbiano ricevuto– conclude la donna – è quella di portarci i bambini a mangiare a casa per poi riconsegnarli all’asilo alle 14, ma è un grosso disagio lo stesso».

Dal Comune fanno sapere che il servizio mensa è attivo per tutti solo dal 5 ottobre e che la struttura prefabbricata, essendo posizionata su una base di cemento, necessita dei tempi tecnici, 28 giorni, prima che il collaudo possa dare esito positivo. «Da calendario i risultati sarebbero dovuti arrivare mercoledì scorso ma c’è stato un ritardo», precisa l’assessore ai Lavori pubblici Ester D’Agostino.