Quantcast

Identificato un corpo rinvenuto in mare, è quello di un uomo trascinato dalla piena del Roja

Tredici le "sparizioni molto preoccupanti" su cui lavora la procura francese

Nizza. Ci sono almeno cinque vittime francesi della tempesta “Alex” che tra il 2 e il 3 ottobre scorsi ha spazzato via strade e case nella valle Roja francese, inghiottendole come fossero cartapesta, travolte dalla piena del fiume Roja.
L’ultimo corpo, quello rinvenuto nei pressi dell’aeroporto di Nizza, appartiene a David Ravnholt, trovato in mare l’8 ottobre scorso, dopo essere stato trascinato dalla piena di un affluente del Roya al Col de Brouis (Breil) che lo ha sorpreso mentre si trovava all’interno della sua abitazione. A renderlo noto è il Nice Matin che riporta la conferma del procuratore di Nizza Xavier Bonhomme.

Secondo quando affermato dal giornale francese, a trovare il cadavere è stata un’imbarcazione noleggiata dalla Prefettura marittima allo scopo di recuperare i grossi tronchi trasportati in mare dalle correnti.

Tra le vittime identificate in Francia ci sono il capitano Bruno Kohlhuber, pompiere portato a Bollène-Vésubie. E una coppia intrappolata in una macchina, a Saint-Martin-Vésubie. Sono tredici, infine, le sparizioni classificate dalla procura come “molto preoccupanti”. Non è dunque escluso che si possano trovare altri corpi.