Quantcast

Coronavirus, chiusura del Casinò di Sanremo: l’interrogazione di Daniele Ventimiglia e Stefano Isaia (Lega)

«La nuova serrata della nostra casa da gioco comporterà sicuramente nuovi e gravi problemi di natura economica che andranno ad impattare negativamente sul nostro bilancio comunale»

Sanremo. Daniele Ventimiglia e Stefano Isaia di Lega Salvini presentano un’interrogazione urgente su

Ecco il testo:

«Alla C.A.

Preg. mo Presidente del Consiglio Comunale

Ill.mo. Sig. Sindaco

LORO SEDI

INTERROGAZIONE URGENTE
(Ai sensi dell’articolo 19 e seguenti del Regolamento Interno del Consiglio Comunale di Sanremo).

Oggetto: Emergenza Covid-19 – chiusura Casinò

Ill.mo signor Presidente, il sottoscritto Avv. Daniele Ventimiglia e Stefano Isaia del gruppo Lega Salvini Premier, con la presente interrogazione espongono quanto segue:

Premesso che,

la situazione emergenziale dovuta alla nuova serrata della nostra casa da gioco imposta dal nuovo e schizofrenico Dpcm del Governo Conte del 24 ottobre scorso, comporterà sicuramente nuovi e gravi problemi di natura economica che andranno ad impattare negativamente sul nostro bilancio comunale, nonché sui dipendenti stessi, i quali dovranno necessariamente accedere nuovamente alla cassa integrazione.

Pertanto è doveroso intervenire da parte del nostro gruppo politico a titolo costruttivo, intraprendendo una strada comune che, almeno sul Casinò, porti tutto il consiglio comunale ad attivarsi con forza e risolutezza tutte le azioni possibili al fine di scongiurare quello che non vorremo mai accadesse.

Le premesse di cui sopra sono urgenti anche in considerazione del fatto che il nostro deputato On. Flavio Di Muro, ha predisposto un emendamento urgente, al fine di modificare il testo del Dpcm, testo che tra l’altro opera, sui giochi in generale, in maniera molto confusa e deficitaria.

QUANTO SOPRA PREMESSO

I sottoscritti consiglieri, interrogano il Sindaco e la Giunta a riferire urgentemente in merito alle richieste sopra specificate e a tutte le possibili azioni intraprende al fine di limitare e/o scongiurare pericolosi aggravi di bilancio e per la tutela di tutti i dipendenti» – scrivono Daniele Ventimiglia e Stefano Isaia di Lega Salvini Premier.