Quantcast

«Vittoria storica. L’alleanza di governo ha fallito». Le prime dichiarazioni del rieletto presidente Toti

Discorso politico per il governatore che festeggia con largo anticipo il risultato delle elezioni regionali in Liguria

Genova. Torna a parlare da presidente con pieni poteri Giovanni Toti e lo fa a scrutinio ancora aperto, con risultati parziali ma netti, quando sono appena le 19:30 di sera e mancano oltre un migliaio di sezioni da scrutinare. Quella che solo le prossime ore potranno certificare come certa, è una vittoria schiacciante della coalizione di centrodestra, trainata da uno strepitoso risultato di Cambiamo, la lista che porta il nome del governatore e che fa capo all’omonimo partito rappresentato in parlamento.

Generico settembre 2020

«Ringrazio tutti quelli che si sono impegnati per questa vittoria. Ha esordito Toti nella conferenza stampa che si è tenuta dal palazzo della Regione. Quello che si profila, stando alle proiezioni, è il più importante risultato del centrodestra nella sua storia. Il 53-54% significa esattamente 20 punti in più rispetto a quanto avevano conseguito 5 anni fa, quando abbiamo vinto con il 34%. Segno che questi cinque anni sono stati apprezzati dagli elettori che ci hanno rinnovato la fiducia prima alle scorse elezioni amministrative, così come in questa tornata elettorale, nonostante siano state elezioni in tempi di covid».

 

«Credo che dall’altra parte –  continua il governatore fresco di riconferma – si profili una delle peggiori sconfitte in assoluto del centrosinistra: l’unica espressione dell’alleanza Giallo-Rossa di governo a livello nazionale ha fatto il risultato peggiore della storia per tutti i partiti che compongono la coalizione. Segno che agli elettori liguri non sono piaciute alcune scelte di governo, un’alleanza dal profumo di poltrone e non di impegno per la collettività.

Spero che finita la campagna elettorale terminino anche le polemiche sollevate sulla gestione dell’emergenza pandemica, polemiche che non dovrebbero essere al centro della lotta politica. Qualcuno che su questo ha cercato un lucro politico inadeguato mi auguro possa tornare nei ranghi della politica che questo Paese si merita».

Ha continuato Toti: «Mi congratulo anche con gli altri presidenti eletti o riconfermati. Si profila un ottimo successo dell’amico Zaia in Veneto, segno di un Paese che ha bisogno di riforme, di autonomia, di democrazia. Il mondo politico nel suo complesso non si deve far sfuggire questa occasione di dare risposte ai cittadini, compresa l’autonomia che da tempo chiediamo come Regione Liguria».

E poi un commento sull’eccezionale risultato di Cambiamo: «La lista del governatore sta avendo una bella affermazione ma non siamo in concorrenza con nessuno dei nostri alleati. Se siamo qui a celebrare una vittoria così importante è perché siamo riusciti a trovare la giusta alchimia. Ho sempre ragionato in unico modo: quando abbiamo un progetto comune si guarda quanto fa la somma non i singoli».

Quali saranno i primi provvedimenti della nuova giunta? «Intanto mettere in sicurezza la Regione e continuare il lavoro fatto nella gestione dell’emergenza». Qualcuno ha parlato di profonda crisi di Forza Italia… «Non condivido chi parla di una mia rivincita, visto il risultato di Cambiamo. Ogni formazione ha portato quello che poteva».

E’ vero che potrebbe tenere per sé l’assessorato alla Sanità? «E’ vero tutto ma anche il suo contrario». Ha chiosato Toti.