Quantcast

Trionfo del sì al referendum, il 69,64% degli italiani vuole il taglio dei parlamentari

Nell'Imperiese il sì vince con il 66,75%, il no si ferma al 33,25%. Ecco come hanno votato i sessantasei comuni della provincia

Imperia. In Italia è il trionfo del al referendum per il taglio dei parlamentari.

Il 69,64% dei cittadini italiani, contro il 30,36% che ha scelto il no, ha infatti sancito con il proprio voto una rivoluzione all’interno del parlamento; a partire dalla prossima legislatura infatti il numero dei parlamentari alla Camera dei Deputati passerà da 630 a 400, mentre il numero dei senatori calerà da 315 a 200.

A subire una riduzione saranno anche i parlamentari eletti all’estero passando da 12 a 8 deputati e da 6 a 4 i senatori. Il numero di senatori a vita sarà invece ridotto ad un massimo di 5.

Si tratta di un taglio che però non comporterà un cambiamento nelle funzionalità delle camere che infatti resteranno le medesime del passato.

In Liguria vince il con il 63,78% delle preferenze, mentre il no si attesta al 36,22%. In provincia di Imperia il ha ottenuto il 66,75%, il no si ferma al 33,25%. Vittoria del anche in provincia di Genova con il 62,28%, 37,72% di preferenze per il no. A La Spezia 66,07% per il e 33,93% per il no, a Savona 64,37% per il e 35,63% per il no.

Ecco come hanno votato i sessantasei comuni dell’Imperiese:
Airole 64,08% sì – 35,92% no
Apricale 65,38% sì – 34,62% no
Aquila d’Arroscia 55,75 sì – 44,25% no
Armo 78,95% sì – 21,05% no
Aurigo 72,40% sì – 27,60% no
Badalucco 65,24% sì – 34,76% no
Bajardo 67,38% sì – 32,62% no
Bordighera 64,07% sì – 35,93% no
Borghetto d’Arroscia 77,25% sì – 22,75% no
Borgomaro 62,20% sì – 37,80% no
Camporosso 73,09% sì – 26,91% no
Caravonica 78,69% sì – 21,31% no
Castel Vittorio 76,15% sì – 23,85% no
Castellaro 67,80% sì – 32,20% no
Ceriana 74,83% sì – 25,17% no
Cervo 59,92% sì – 40,08% no
Cesio 70,29% sì – 29,71% no
Chiusanico 68,12% sì – 31,88% no
Chiusavecchia 68,37% sì – 31,63% no
Cipressa 67,41% sì – 32,59% no
Civezza 66,01% sì – 33,99% no
Cosio d’Arroscia 77,55% sì – 22,45% no
Costarainera 68,68% sì – 31,32% no
Diano Arentino 69,90% sì – 30,10% no
Diano Castello 63,54% sì – 36,46% no
Diano Marina 66,07% sì – 33,93% si
Diano San Pietro 65,97% sì – 34,03% no
Dolceacqua 64,77% sì – 35,23% no
Dolcedo 63,00% sì – 37,00% no
Imperia 65,40% sì – 34,60% no
Isolabona 69,58% sì – 30,42% no
Lucinasco 61,95% sì – 38,05% no
Mendatica 74,07% sì – 25,93% no
Molini di Triora 62,35% sì – 37,65% no
Montalto Carpasio 61,32% sì – 38,68% no
Montegrosso Pian Latte 84,52% sì – 15,48% no
Olivetta San Michele 69,79% sì – 30,21% no
Ospedaletti 67,21% sì – 32,79% no
Perinaldo 67,05% sì – 32,95% no
Pietrabruna 59,69% sì – 40,31% no
Pieve di Teco 68,04% sì – 31,96% no
Pigna 72,73% sì – 27,27% no
Pompeiana 68,73% sì – 31,27% no
Pontedassio 66,35% sì – 33,65% no
Pornassio 74,90% sì – 25,10% no
Prela’ 65,97% sì – 34,03% no
Ranzo 65,09% sì – 34,91% no
Rezzo 59,59% sì – 40,41% no
Riva Ligure 72,70% sì – 27,30% no
Rocchetta Nervina 75,00% sì – 25,00% no
San Bartolomeo al Mare 68,90% sì – 31,10% no
San Biagio della Cima 62,23% sì – 37,77% no
San Lorenzo al Mare 65,31% sì – 34,69% no
Sanremo 64,95% sì – 35,05% no
Santo Stefano al Mare 68,11% sì – 31,89% no
Seborga 73,57% sì – 26,43% no
Soldano 71,33% sì – 28,67% no
Taggia 72,25% sì – 27,75% no
Terzorio 72,26% sì – 27,74% no
Triora 68,54% sì – 31,46% no
Vallebona 66,40% sì – 33,60% no
Vallecrosia 68,61% sì – 31,39% no
Vasia 61,31% sì – 38,69% no
Ventimiglia 67,76% sì – 32,24% no
Vessalico 68,13% sì – 31,87% no
Villa Faraldi 54,40% sì – 45,60% no