Quantcast

Sospeso servizio su linea Ventimiglia-Ponte San Luigi, l’Associazione Genitori a Rt: «Soluzione per non assumersi responsabilità»

«Avete l’obbligo di dare un servizio al cittadino e alle frazioni che vanno da Ventimiglia a Ponte S. Luigi»

Ventimiglia. «L’associazione ma soprattutto noi genitori vorremmo replicare alla presa di posizione che la Riviera Trasporti ha preso riguardo la sospensione della linea Ventimiglia / Ponte S. Luigi. Già questa è una linea penalizzata proprio mancanza di corse 4 al mattino e 4 al pomeriggio e sospensione totale la domenica. E’ una linea importante perché conduce fino al confine francese inoltre è utilizzata da tante frazioni che l’attraversano, il servizio è sempre stato pessimo con l’andare degli anni, da Ventimiglia al confine spesso non si aspetta la coincidenza che arriva da Sanremo quindi i genitori che magari pagano anche un abbonamento sono costretti a scendere in città perché il figlio è rimasto a piedi, spesso la partenza avviene 3/4 minuti prima del previsto quindi in tanti rimangono a piedi.

Se questa è una linea affollata cosa dobbiamo dire di quelle che vanno a Sanremo? Avete l’obbligo di dare un servizio al cittadino e quelli delle frazioni che vanno da Ventimiglia a Ponte S. Luigi ne hanno diritto tanto quanto gli altri, pagano esattamente 1,50€ il biglietto come gli altri per percorrere poco più di 4 km. Secondo voi manca il distanziamento? Questo problema non ve lo siete posti quando lo avete tolto e adesso che le scuole sono ricominciate non vi sentite sicuri? Non lo sono neanche gli studenti che oggi sono entrati nelle aule senza nessun distanziamento tra i banchi e li sono molto più vicini tra loro, non lo sono le commesse e le cassiere al supermercato ma ognuno di noi deve prendersi carico della situazione è se non si è più in grado si lascia il posto a chi ha più voglia di lavorare.

Sarebbe meglio che i sindacati facessero meglio il loro mestiere perché questo non è la tutela al lavoratore ma una soluzione per non assumersi delle responsabilità. Annunceremo una class action se non garantite agli studenti e agli anziani il servizio in quella linea già penalizzata da anni» – commenta la presidente dell’Associazione Genitori Imperia Déborah Murante.