Quantcast

Sanremo, tornano i Venticinque note: gli happening culturali organizzati dal Club Tenco foto

Si terrà la presentazione di due album: “Fratelli” del musicista Geddo e “Roma non si rade” di Eugenio Ripepi

Più informazioni su

Sanremo. Tornano i Venticinque note: gli happening culturali organizzati dal Club Tenco durante l’anno presso la sede del Club. E’ in programma, infatti, domenica 27 settembre, la presentazione di due album a partire dalle 18: “Fratelli” del musicista Geddo e “Roma non si rade” di Eugenio Ripepi.

Geddo, da Albenga, con “Fratelli”, il suo quarto album, vuole essere una risposta all’odio e alla frustrazione dei nostri giorni. Uscito lo scorso giugno, è un album positivo che invita ad essere consapevoli delle tante piccole cose e delle grandi persone che ci circondano nel quotidiano. Miti positivi che non devono essere cercati in mitologie superate di grandi personaggi lontani, ma riconosciuti nelle comunità che viviamo, nei lavoratori e nei suoi artisti. Il disco è stato registrato all’Actone recording studio di Albenga con la collaborazione di Matteo Ferrando alla batteria, Dario La Forgia al basso e Mauro Vero alle chitarre. Altri musicisti coinvolti sono invece: Fabio Biale, Paolo Bonfanti, Roberta Carrieri, Sergio Cocchi, Lorena De Nardi, Nico Ghilino, Folco Orselli, Michele Savino, Federico Sirianni, Rossano Villa, Alberto Visconti.

Le canzoni di Geddo sono state utilizzate per spettacoli teatrali e hanno viaggiato senza sosta in questi anni tra la Puglia e la Val d’Aosta, raggiungendo un vasto ed eterogeneo pubblico. Ha aperto il concerto di Daniele Silvestri e vanta collaborazioni con Claudia Pastorino, L’Orage e Zibba.

Eugenio Ripepi, cantautore, regista, produttore, direttore artistico e scrittore di Imperia, è uscito lo scorso luglio con “Roma non si rade”, il suo terzo disco e la didascalia dell’album recita: “Colori a occhi chiusi – Occhio destro”.

“Occhio destro” è una metafora che inquadra questo disco come il primo di una dilogia a cui seguirà un secondo progetto discografico (“l’occhio sinistro”), dal titolo ancora nascosto.

L’occhio destro dell’autore, per ragioni autobiografiche dovute a difficoltà di lettura, attiene alla parte metafisica che non mette a fuoco il concreto e intuisce il divenire. L’occhio sinistro vede più nitido, ma meno lontano, ed è lo sguardo della rabbia sociale.

È stato insignito del Premio Città di Imperia San Leonardo come Cittadino Emerito. Come scrittore Ripepi pubblica i libri: “Teatro-Canzone, Storia, Artisti, Percorsi”; “Scritti in festa per Eugenio Buonaccorsi”, prefato da Gino Paoli; “La canzone teatrale di Piero Ciampi”, presentato al Premio Tenco, “Il carnet del carnefice”, prefato da Vittorio Coletti; “Eredi del punto su tele di carne”, prefato da Giuseppe Conte; “La luce scalza”, prefato da Mario Stefani. È regista di vari allestimenti e direttore artistico dello Spazio Calvino di Imperia, del Teatro Tommaso Salvini di Pieve di Teco, del Teatro del Mare presso il Museo Navale di Imperia.

L’incontro è previsto per le 18 nella sede del Club Tenco, ex magazzino ferroviario, lungomare Italo Calvino. L’ingresso è libero e, nel rispetto delle norme per il contenimento del Covid-19, sarà obbligatorio registrarsi all’ingresso, sanificare le mani e indossare la mascherina per tutto il tempo dello spettacolo.

Più informazioni su