Quantcast

Sanità, Viale: «All’operato di Regione Liguria va il riconoscimento del segretario generale Fimmg»

E' la prima regione in Italia ad aver deliberato sulla pubblicazione dei primi bandi di concorso per l'ammissione di laureati in medicina e chirurgia al corso triennale di formazione specifica in medicina generale per gli anni 2020-2023

Genova. La Regione Liguria è la prima in Italia ad aver deliberato sulla pubblicazione dei primi bandi di concorso per l’ammissione di laureati in medicina e chirurgia al corso triennale di formazione specifica in medicina generale per gli anni 2020/2023.

Un plauso ci arriva da Silvestro Scotti, segretario generale FIMMG (Federazione Medici di Medicina Generale) che riconosce alla nostra regione e al mio assessorato un merito importante: «Proprio in Liguria, del resto, la Regione e in particolare l’Assessorato di Sonia Viale ha dato vita ad un progetto di sperimentazione nella formazione dei medici di famiglia molto importante, che crea un Dipartimento Università-Regione-Medicina di famiglia, frutto di un protocollo d’intesa firmato tra l’altro da FIMMG e SIMG, con piena dignità della Medicina di famiglia quale disciplina non ancillare ma specialistica. Hanno giocato un ruolo importante anche nelle decisioni assunte in Liguria dalla vicepresidente e assessore alla Sanità Sonia Viale, che ben conosce le esigenze legate alla cronicità e all’invecchiamento della popolazione visto che parliamo della regione con gli indici di popolazione anziana più alta».

«In questi mesi l’assessorato alla sanità e la Regione, hanno continuato a lavorare per raggiungere un obiettivo importante che, paradossalmente, in altre regioni d’Italia si è bloccato. Un lavoro burocratico di cui si vedono oggi gli sviluppi sul piano pratico e dove, in situazione di carenza di personale, i giovani medici possono entrare da subito in servizio, evitando che il sistema sanitario possa essere impreparato per una prossima eventuale emergenza o qualsiasi altra situazione.

Ringrazio i sindacati Fimmg, Snami, Smi, la Federazione regionale degli Ordini dei Medici e l’Università di Genova con i quali si lavora ormai da anni attraverso una sintonia che sta dando buoni frutti come dimostrano questa e molte altre situazioni tanto nel campo della formazione dei medici quanto in quello dell’assistenza ai cittadini» – dichiara Sonia Viale, vice presidente e assessore alla Sanità.