Quantcast

Piedi dei bambini: come prendersene cura dalla nascita foto

La guida completa per i genitori realizzata dal podologo dottoressa Marika Manera

Alla nascita, i piedi dei bambini di solito misurano circa 75 mm e nei primi mesi di vita sono rotondi a causa di un ampio strato di grasso che circonda la pianta del piede, non è definita né la forma del piede né l’arco plantare.

Durante la crescita, la struttura ossea del piede si ossifica in età diverse della crescita. Ci sono ossa come il calcagno che hanno il loro nucleo di ossificazione alla nascita, tuttavia altre come l’astragalo che non finiscono di ossificarsi fino a 10-11 anni nelle ragazze e 12-13 nei maschi. In questo articolo a cura del podologo dottoressa Marika Manera analizziamo tutto ciò che bisogna sapere sui piedi dei bambini: cura, calzature adeguate, visite dal podologo e molto altro.

Dopo la nascita e i loro primi mesi di vita.

«48 ore dopo la nascita, i bambini vengono sottoposti al noto “Heel Test” (il cui nome clinico è Early Detection o Neonatal Screening), che consiste in un piccolo prelievo dal tallone per estrarre alcune gocce di sangue. L’obiettivo è rilevare malattie ereditarie del metabolismo, tra le quali ipotiroidismo congenito o fibrosi cistica.

Sfortunatamente, le malattie che possono essere rilevate con questo test sono incurabili, ma trovarle presto aiuterà a scegliere il giusto trattamento che minimizzerà e allevierà i sintomi. Un altro test che verrà eseguito sui bambini è la valutazione dei riflessi di Babinsky, che si basa sui riflessi temporali dei neonati quando stimola la pianta del piede».

La calzatura ideale. Come sceglierla.

«Come tutti i genitori sanno, far indossare ai bambini le calzature è una missione impossibile. Le tolgono sempre, portandole persino in bocca. Questo è molto frequente e naturale, perché il piede è un importante recettore sensibile. I bambini si affidano a questi gesti per conoscere meglio l’ambiente in cui iniziano a vivere e svilupparsi.

Sebbene sappiamo che la tentazione di acquistare le tipiche “calzature di marca in miniatura” per i bambini è inevitabile, i nostri esperti di podologia infantile non consigliano di indossare questo tipo di calzature rigide quando ancora il bambino non ha iniziato a muovere i primi passi. Si consiglia di lasciare i piedi liberi fino ai 12 mesi, salvo in inverno, quando la temperatura inizia ad essere più fredda.

È importante che, durante lo sviluppo psicomotorio del bambino, questo inizi a gattonare prima di camminare, poiché il gattonare ha numerosi vantaggi come il coordinamento dell’asse dei fianchi e delle spalle, la sensibilità della mano (che in futuro andrà a beneficio dello sviluppo di scrittura e lettura) e lo sviluppo neurologico legato alla lateralizzazione. È bene evitare strumenti come il girello per non sovraccaricare la struttura ossea».

Come avere cura dei piedi dei bambini?

«1) Taglio delle unghie. Quando si tagliano le unghie, tenere presente che sono più fragili nei bambini, con la tendenza a rompersi e ad accostarsi molto alla pelle. È preferibile lasciarle un po’ più lunghe e non seguire la linea arrotondata del dito (per evitare di incarnire le unghie).

2) Idratazione dei piedi. Contrariamente a quanto si raccomanda per gli adulti, i bambini NON dovrebbero usare creme specifiche per i piedi, ma devono usare la stessa crema del resto del corpo. La crema specifica per i piedi, utilizzata negli adulti, contiene urea, la quale ha un’azione cheratolitica».

A quale età dovremmo portare il bambino dal podologo?

«In termini generali, si consiglia di portare i più piccoli dal podologo, per controllare i piedi e la loro biomeccanica di appoggio dall’età di 3-4 anni. A volte i genitori portano al controllo podologico i neonati e bambini prima di quest’età poiché hanno dei dubbi su come tagliargli le unghie o perplessità sul cambiamento della pelle.

Deve essere chiaro che la biomeccanica del bambino si evolverà man mano che cresce, quindi è importante rivolgersi allo specialista in modo che possa valutare se questa evoluzione rientra nei parametri normali o è necessario iniziare a porre qualche tipo di raccomandazione o trattamento».

La dottoressa Marika Manera, visita a Sanremo, presso l’ambulatorio Fisiomed in corso Cavallotti, 22 e anche nelle città di Bordighera, Alassio e Pisa.

Info e prenotazioni: +39 348 7091668, approfondimenti su: podologomanera.it.