Quantcast

Nuovo consiglio regionale, ecco come saranno suddivisi i seggi

Ne vanno 18 alla maggioranza ed 11 all'opposizione

Genova. Si è definita la composizione partitica del nuovo consiglio regionale. I nomi di chi occuperà gli scranni sono ancora da stabilire nel dettaglio, quel che è già chiaro però è quanti saranno e di che formazione i prossimi inquilini del palazzo di via Fieschi.

Partendo dall’alto, ovvero dalla lista che ha ottenuto più voti “Cambiamo con Toti Presidente”, vediamo il gruppo del neoeletto (nonché governatore uscente) imporsi come il più gettonato di tutti quelli che hanno partecipato alla sfida delle urne. Il dato parla del 22,60 % delle preferenze, su 56,16 del totale raggiunto dalla coalizione di centrodestra.

A  quest’ultima vanno 18 seggi suddivisi così: 8 alla già citata lista principale, 6 (17,14%) alla “Lega Salvini Liguria”, 3 (10,87) a “Giorgia Meloni per Toti Fratelli d’Italia ed uno a “Forza Italia – Liguria Popolare” che raccoglie il 5,27% dei voti. A bocca asciutta rimangono i fanalini di coda del centrodestra regionale, ovvero Liguria UDC (Unione di Centro) che con una percentuale dello 0.65 non fa sedere nessuno dei suoi in consiglio.

La coalizione di centrosinistra, che proponeva come candidato presidente Ferruccio Sansa, avrà invece diritto a 11 componenti dell’opposizione, derivanti dal 38,90 % dei voti ottenuti. Di questi consiglieri 6 (19,89) vanno a “Sansa Presidente – Partito Democratico – Articolo Uno”, 2 al Movimento 5 Stelle (7,78), stesso numero di seggi, ma con percentuali preferenziali minori (7,14) rispetto ai grillini, toccano alla “Lista Ferruccio Sansa Presidente”. Chiudono l’elenco con un consigliere eletto (2,27%) quelli di “Linea Condivisa – Sinistra per Sansa”. Zero seggi invece, restando nella collezione di centrosinistra, per “Europa Verde – Demos Democrazia Solidale – Centro Democratico” con 1,27 percentuale.