Quantcast

Maltempo in arrivo sulla Liguria, scatta l’allerta gialla per temporali sull’Imperiese

La regione è entrata in una fase molto instabile, a tratti perturbata con rovesci, temporali anche forti e venti in rinforzo

Genova. La Liguria è entrata in una fase molto instabile, a tratti perturbata con rovesci, temporali anche forti e venti in rinforzo.

Arpal ha emanato l’allerta gialla per temporali.

L’allerta scatterà alle 14 di martedì 22 settembre su tutta la regione e si concluderà:

  • a Ponente e nell’entroterra di Ponente (Zone A, D) alle 23.59 di martedì 22 settembre
  • sul Centro, il Levante e l’entroterra di Levante (Zone B, C, E) alle 14 di mercoledì 23 settembre

L’allerta riguarda i bacini piccoli e medi della regione.

Già in mattinata alcune zone della regione sono state interessate da fenomeni localmente forti. Una cella temporalesca ha interessato la parte occidentale della provincia di Genova e quella più orientale del savonese: la stazione di Lerca segna una cumulata oraria di 60 millimetri ( 34 in 30 minuti, 19.6 in 15 minuti), quella di Sciarborasca 46.2 mentre Savona Istituto Nautico ha cumulato 40 millimetri di cui 10.2 in 5 minuti e Sanda (Celle Ligure) 36.2. Alle 13 precipitazioni moderate interessano, invece, il Ponente genovese e localmente, l’entroterra imperiese. Il primo passaggio perturbato ci interesserà fino alle ore centrali di domani, mercoledì 23 settembre: i fenomeni temporaleschi, nel pomeriggio e in serata, saranno possibili su tutta la regione. Sul centro levante, interessato da un intenso flusso da sud ovest, rovesci e temporali anche di forte intensità proseguiranno, come già detto, fino alle ore centrali di domani. E sempre domani saranno possibili ancora episodi d’instabilità mentre, giovedì 24 è atteso un peggioramento più corposo. Infatti il flusso sud occidentale si andrà intensificando con una possibile convergenza, sempre sul centro Levante, con i venti da sud Est; ecco, dunque, che oltre a piogge diffuse potranno verificarsi temporali anche forti o organizzati. Ulteriori valutazioni verranno effettuate, come sempre, domani mattina alla luce della situazione in atto e delle ultime uscite dei modelli previsionali.

Ecco l’avviso meteorologico con la descrizione dei fenomeni più significativi previsti:

Martedì 22 settembre: instabilità in aumento con precipitazioni di intensità moderata e quantitativi significativi sulle zone B, C, D ed E. Alta probabilità di temporali forti o organizzati su tutte le zone: fenomeni più probabili ad iniziare dal Centro Ponente, in successiva intensificazione ed estensione a Levante. Venti in rinforzo da Sud, Sud-Ovest con possibili raffiche in serata fino 50-60 km/h in particolare sui capi esposti e sui rilievi.

Mercoledì 23 settembre: tra notte e mattino alta probabilità di temporali forti o organizzati sulle zone B, C ed E. Bassa probabilità di temporali forti su A e D con possibili allagamenti localizzati. Possibili danni puntuali per isolate raffiche di vento o trombe d’aria, grandine e fulmini, piccoli smottamenti. Venti sostenuti da Sud, Sud-Ovest con possibili raffiche fino 50-60 km/h, in particolare sui capi esposti e sui rilievi. Mare fino a molto mosso la sera per onda da Sud-Ovest. La protezione civile ricorda di osservare le opportune norme di autoprotezione.

Giovedì 24 settembre: dalle ore centrali nuovo aumento dell’instabilità con rovesci e temporali diffusi; alta probabilità di fenomeni forti o organizzati su tutte le zone. Previste intensità di pioggia moderate sulla zona B, forti su C ed E, quantità significative sulle zone A, B ed E, elevate su C. Venti sostenuti da Sud, Sud-Ovest con possibili raffiche fino 50-70 km/h, in particolare sui capi esposti e sui rilievi.

Si ricorda la suddivisione in zone del territorio regionale:

A: Lungo la costa da Ventimiglia fino a Noli, l’intera provincia di Imperia, la valle del Centa

B: Lungo la costa da Spotorno a Camogli comprese, Val Polcevera e Alta Val Bisagno

C: Lungo la costa da Portofino fino al confine con la Toscana, tutta la provincia della Spezia, Val Fontanabuona e Valle Sturla

D: Valle Stura ed entroterra savonese fino alla Val Bormida

E: Valle Scrivia, Val d’Aveto e Val Trebbia

La Sala Operativa Regionale resterà aperta per tutta la durata dell’allerta. In caso di eventi intensi, durante l’allerta sarà pubblicato il monitoraggio sul sito https://allertaliguria.regione.liguria.it, inviato anche tramite Twitter (segui @ARPALiguria). Sulla pagina www.facebook.com\ArpaLiguria post con immagini, grafici e dati.

Nell’immagine la scansione oraria dell’allerta , la cartina regionale con il massimo grado di allertamento emanato questa mattina e lo scatto del satellite sul Mediterraneo alle 12.45.