Quantcast

La Società di San Vincenzo de Paoli di Imperia celebra la giornata della carità: in aumento poveri e bisognosi foto

Ad oggi sono state effettuate distribuzioni per 42 volte a 1288 assistiti

Imperia. La Società di San Vincenzo de Paoli di Imperia insieme al gruppo delle Volontarie Vincenziane ha celebrato domenica 27 settembre presso il duomo di San Maurizio ad Imperia,  la giornata della Carità e del ringraziamento.

Le motivazioni che hanno spinto a viverla sono:

– la ricorrenza il 27 settembre della festa di San Vincenzo de’ Paoli co-patrono della nostra Società di San Vincenzo;

– le conclusioni della Festa Patronale di San Maurizio e Compagni Martiri, patroni della nostra Comunità Parrocchiale;

– e, non ultimo, la circostanza unica di disagio causata dall’epidemia Corona Virus (COVID 19).

«Le difficoltà, le angosce, i disagi che abbiamo vissuto e continuiamo a vivere, pur con alti e bassi, sono le cause che hanno alimentato in tutti sensazioni di incertezza, di confusa intraprendenza nelle iniziative collegate – dichiarano gli organizzatori -. Il numero delle famiglie e persone singole disagiate è aumentato in maniera esponenziale».

Ad oggi sono state effettuate distribuzioni per 42 volte a 1288 assistiti tra continuativi e straordinari, per un totale di circa 10 tonnellate di alimenti distribuiti.

I dati fanno emergere situazioni angoscianti causate da: perdite di lavoro precario, dall’incedere del Corona Virus, dal decesso di congiunti, anche anziani, spesso gli unici in famiglia ad assicurare una certezza economica anche se a volte modesta.

La consegna dei viveri è abbondante anche grazie all’aiuto del Banco Alimentare, alla sensibilizzazione di persone e di associazioni. Non così è per la parte economica che risente di questi disagi per effetto dell’incremento del numero delle richieste di aiuto per il pagamento di canoni di locazione, bollette, bombole gas, medicinali e altro.

«È un’emergenza che tutti insieme vogliamo e dobbiamo affrontare, con l’impegno che abbiamo sempre profuso e con l’aiuto di nuovi Confratelli associati che hanno provvidenzialmente alimentato le file della San Vincenzo – aggiungono i volontari – Ecco perché vogliamo ringraziare di cuore tutti coloro che fin qui ci hanno aiutato, alcuni fin dall’inizio della pandemia, ed in questo momento di eccezionale difficoltà continuano e vorranno ancora sostenerci con sensibilità e generosità. Chiediamo a voi tutti  un aiuto materiale ,ma abbiamo anche necessità di persone di buona volontà che possano dedicare un poco del loro tempo per le diverse attività dell’associazione».

Chi fosse interessato può chiamare il 3477597986.