Quantcast

«La chiusura del Campo Roja non ha influito su presenza migranti a Ventimiglia», ma si pensa a nuovo centro di transito foto

«Sarà di piccole dimensioni e non per forza a Ventimiglia»

Ventimiglia. «La chiusura del Campo Roja non ha influito sull’assetto dei migranti a Ventimiglia così come certificato sia dalle forze di polizia e dal prefetto di Imperia che dal sindaco di Ventimiglia». A dichiararlo, al termine di un vertice in Prefettura convocato dal prefetto Alberto Intini, è stato il prefetto Michele Di Bari, capo dipartimento per le Libertà civili e per l’Immigrazione.

prefetto di bari sindaco Scullino prefettura imperia

Al centro del tavolo, la redazione di un protocollo di intesa le cui linee sono state tracciate oggi dai rappresentati del Ministero dell’Interno giunti a Imperia, che si sono relazioni con i vertici provinciali delle forze di polizia e della polizia di frontiera, e con il presidente della Provincia, il sindaco di Ventimiglia e il direttore generale dell’ASL 1 Imperiese. E’ emersa la volontà di realizzare, come spiegato dallo stesso prefetto Di Bari: «Un centro di transito al servizio dell’intera provincia di Imperia, non necessariamente a Ventimiglia. Sarà un centro piccolo che servirà soprattutto a stabilizzare determinate situazioni giuridiche nei confronti di migranti e quindi consentire, poi, sia al questore che al prefetto di adottare i provvedimenti conseguenti ove sussistano i presupposti». La realizzazione del centro, secondo gli intervenuti, si rende necessaria soprattutto per la situazione sanitaria dovuta al Covid-19, che impone una «sorveglianza sanitaria e anche una serie di controlli per la tutela della salute pubblica». 

All’incontro odierno, che fa seguito a quello del 2 luglio che aveva portato alla chiusura del Campo Roja, ne seguirà un altro fra un paio di mesi nel corso del quale verrà siglato il protocollo di intesa.