Quantcast

Forza Italia-Polis, il commento del sindaco Claudio Scajola: «Abbiamo contribuito alla vittoria di Toti»

Il commento: I voti di Sappa superano quelli della lista, un'enormità di preferenze

Imperia. «Abbiamo contribuito in maniera notevole alla vittoria del presidente Toti. Il dato della media nazionale di Forza Italia è intorno al 4%, il Liguria vicino al 5,5%, al di sopra della media nazionale. In provincia di Imperia intorno all’8 e mezzo per cento e nella città di Imperia sul 12%». A riepilogare i risultati dell’alleanza moderata in queste elezioni regionali e commentare gli esiti del voto è il sindaco Claudio Scajola, promotore della lista unica tra FI-Liguria Popolare e Polis che ha portato come capolista Luigi Sappa.

claudio scajola

«Mi pare che gli elettori abbiano colto il messaggio della moderazione, del buon senso, dell’equilibrio e della competenza. Non è un risultato eclatante ma che di fronte a un partito che in Italia si è molto sgretolato può essere un esempio per tutti gli italiani che si sono allontanati dalle istituzioni.

Abbiamo contribuito a una vittoria che ha visto un risultato notevole della lista Toti, motivato, secondo me, da due cose: la sua visibilità sul territorio, il suo esser un buon comunicatore e la sua buona amministrazione. Poi anche l’intelligenza di aver messo questo simbolo “Toti” accanto ai partiti, un trascinamento per chi non votava per Sansa di votare per lui.

Ora – continua Scajola – Si tratterà di riuscire tutti insieme a far progredire il Ponente ligure. Mi auguro che tramite i resti possa venire eletto anche il nostro candidato Luigi Sappa. Conclude: I voti del nostro candidato Sappa superano quelli della lista, ha ricevuto un’enormità di preferenze soprattutto nel capoluogo».

«Un risultato soddisfacente in pieno – ha aggiunto il candidato di Polis Luigi Sappa. Il  dato in evoluzione anche a livello provinciale supera le altre provincie liguri. Penso che a giochi fatti si possa arrivare a un risultato che riservi qualche sorpresa. Non ho ancora visto nel dettaglio le preferenze, ma mi pare che siano elevate. Si parla di oltre 300 a livello personale. Noi non cerchiamo un progetto che porti all’auto affermazione della persona, ma un progetto da portare avanti e che in futuro possa dare ulteriori frutti».