Quantcast

Chiappori non è profeta in patria, anche nel Golfo dianese primeggiano Toti e “Cambiamo”

Per il primo cittadino di Diano candidato presidente di "Grande Liguria" rivincita a Villa Faraldi

Diano Marina. A Diano Marina Giovanni Toti colleziona 1516 voti pari al 62,8 per cento: “Cambiamo”, trainato dal vicesindaco Cristiano Za Garibaldi, successore designato di Giacomo Chiappori sulla poltrona di primo cittadino, è il partito più votato con il 62,03 per cento di preferenze. Secondo partito della coalizione è la Lega con il 19,52%. Il raggruppamento di centrosinistra che candidava Ferruccio Sansa si deve accontentare del 24,88 %.

Il sindaco della Città degli Aranci Giacomo Chiappori candidato presidente per “Grande Liguria” (abbondantemente sotto la soglia del 5% a livello regionale)  nel suo comune totalizza 228 voti, pari al 9,33%. Chiappori non ha rilasciato dichiarazioni rimandando a martedì le sue esternazioni. Non si esclude un suo abbandono della vita politica.

Sulla falsariga di Diano anche San Bartolomeo al Mare: a Giovanni Toti il 58, 57 per cento dei consensi con “Cambiamo” che tira il gruppo dei partiti del centrodestra (27,76%), Sansa è fermo al 26,92 per cento. Chiappori va meglio a San Bart. che nella sua città totalizzando l’11,54 dei consensi.

Ma la vera “rivincita” l’ex parlamentare se la prende a Villa Faraldi sulla cui poltrona di primo cittadino si è seduto per 10 anni ottenendo 74 voti, esattamente come Toti pari al 38,74 per cento.