Quantcast

Uil Trasporti Imperia: «Maggiori sicurezze e garanzie per studenti, lavoratori e frontalieri»

Imperia. A pochi giorni dall’inizio della scuola sembrano ancora tanti i problemi legati ai trasporti per le migliaia di studenti che dovranno raggiungere i plessi scolastici della nostra provincia e per i lavoratori pendolari che utilizzano i mezzi pubblici per recarsi al lavoro.

«Treni e pullman, lo sappiamo benissimo, saranno stracolmi, soprattutto negli orari di inizio lavoro e scuola e di fine lavoro e scuola – spiega Oscar Matarazzo, segretario generale Uil Trasporti Imperia – Urge trovare soluzioni importanti rispetto agli orari e all’uso obbligatorio delle mascherine, ma questo potrebbe non bastare: la Uiltrasporti, infatti, chiede di implementare le corse su gomma e su ferro e che sia ripristinato il distanziamento sociale come sui treni IC e freccia. Questo per garantire la sicurezza delle persone».

Naturalmente sarà necessario attendere le direttive dettate dal governo centrale. Una situazione analoga la stanno vivendo i lavoratori frontalieri che si sono visti ridurre le corse per la Francia, da ogni mezz’ora a una ogni ora con il rischio del sovraffollamento o di non riuscire a recarsi nei luoghi di lavoro nell’orario prestabilito, sempre che non ci siano imprevisti come già successo.

A rischio anche gli addetti delle pulizie dei treni Sncf che operano nella stazione di confine: 11 operatori part-time che con la riduzione delle corse hanno perso alcune lavorazioni importanti come la sanificazione dei treni che veniva svolta di notte sui mezzi che stazionavano nella stazione di Ventimiglia. La nuova organizzazione dei treni sncf sembra potrà durare fino a dicembre.
«La Uiltrasporti chiede alle istituzioni locali e regionali, anche in vista delle elezioni, di prendere importanti posizioni in modo tale da garantire la sicurezza di tutti i lavoratori e dei pendolari», chiude Matarazzo.