Quantcast

“Saldi di Gioia” a Sanremo, dopo Ferragosto anche la seconda giornata è un successo fotogallery

Di Baldassare e Verdecchia commentano la due giorni dello shopping nel centro cittadino

Sanremo. «Anche la seconda giornata è andata bene, una vera e propria boccata d’ossigeno per i commercianti» – dichiara Andrea Di Baldassare, presidente di Confcommercio Sanremo, parlando della giornata di oggi di “Saldi di Gioia”, giunta alla 15° edizione.

«I commercianti sono contenti delle due giornate, che hanno superato ogni aspettativa. C’è soddisfazione, anche se ovviamente c’è stato un piccolo calo rispetto all’anno scorso, ma è un meno relativo, visto il momento difficile post Covid – dice Di Baldassare facendo un bilancio delle due giornate – Il sistema con gli stewart, che erano otto, ha funzionato perfettamente. Hanno controllato che tutti rispettassero le regole, se le persone indossavano le mascherine e mantenevano la distanza. Un enorme grazie va agli sponsor, che ci hanno finanziato, e soprattutto al Comune di Sanremo che ci è stato davvero vicino».

La festa dedicata allo shopping e alla convenienza, organizzata da Confcommercio in collaborazione con il Comunedi Sanremo è stata un successo: «La gente, in un momento di crisi, in questi due giorni ha dimostrato che, nonostante oggi in molti comprino su internet, il fascino di fare compere nei negozi e di essere consigliati non passerà mai di moda».

Walter Verdecchia, commerciante e membro del direttivo di Sanremo On, commenta: «Non comprendo chi sui social ha scritto che è stato inopportuno fare “Saldi di Gioia” quest’anno. Grazie all’organizzazione di Confcommercio e al contributo del Comune sono stati organizzati alla perfezione. Stewart e cartellonistica invitavano chi entrava nel quadrilatero della manifestazione a indossare la mascherina e tutto si è svolto senza assembramenti anche grazie al buon senso della gente. Veramente un esperimento che può essere preso ad esempio in tutta Italia. Gli affari? Un leggero calo era prevedibile, ma peggio sarebbe stato non farli».