Quantcast

Modello Genova, Sansa: «Mi fa paura chi dice che bisogna limare i controlli antimafia»

«La cerimonia di ieri per il nuovo ponte San Giorgio è stata importante per togliere l'idea di una Liguria sconfitta»

Genova. «La cerimonia di ieri per il nuovo ponte San Giorgio è stata importante per togliere l’idea di una Liguria sconfitta – ha detto questa mattina il candidato presidente della Regione Liguria Ferruccio Sansa alla trasmissione Omnibus di La7 –. Noi liguri siamo stati in grado di ripartire con le nostre forze, con il lavoro di un architetto genovese, di imprese e lavoratori locali. Quello che adesso non dobbiamo dimenticare è di guardare sotto al ponte, al quartiere di Certosa che ha grandi problemi come la disoccupazione e la chiusura di attività, dove persino l’aspettativa media di vita è inferiore rispetto ai “quartieri bene” della città di Genova. Non è accettabile».

Per quanto riguarda il modello Genova: «Mi fa molta paura chi dice che bisogna limare i controlli antimafia. In Italia ci sono tanti vincoli perché c’è troppa corruzione e troppa illegalità. A ogni grande opera, come il Mose, corrispondono scandali e sprechi di denaro pubblico. Le grandi opere sono necessarie, ma, purtroppo, in questi ultimi cinque anni di governo regionale non è stato fatto niente. A cominciare dal nodo ferroviario, che è già finanziato ma che non è andato avanti forse perché non era l’opera più costosa».