«Questa non è Sanremo», monta la protesta dei commercianti di corso Imperatrice in faccia al Casinò

Secondo loro la situazione di degrado generalizzato in pieno centro città dura oramai da anni e più si va avanti peggio è

Più informazioni su

Sanremo. «Il territorio comunale finisce con via Matteotti e riparte dalla Chiesa Russa». A dirlo è Mike Abate, titolare dell’omonima gioielleria che si trova nel tratto iniziale di corso Imperatrice, davanti al Casinò. Lì, secondo lui e molti altri commercianti della zona, la situazione di degrado generalizzato in pieno centro città dura oramai da anni e più si va avanti peggio è.

Gli intervistati puntano tutti il dito contro dei marciapiedi secondo loro disastrati, vecchi di 50 anni e forieri di cadute dalle conseguenze spesso “ospedaliere”. «Pochi giorni fa una donna è finita faccia a terra per colpa di un buco», spiega la titolare del bar Insomnia e sua figlia Giusy ci dice anche del dehors di un ex esercizio pubblico a fianco del locale, smontato a inizio luglio per cessazione attività: «E’ ancora lì transennato e con l’asfalto da rifare». Di fronte al negozio Juice, secondo Antonino, che ci lavora, il manto stradale oltre ad essere vecchio presenterebbe un parcheggio per disabili flagellato da tombini che sporgono.

riviera24 - Degrado di corso Imperatrice in faccia al Casinò

Sempre i commercianti interpellati lamentano anche la mal disposizione dei bidoni della spazzatura, troppo a ridosso dei dehor. Rosaria e Federico della tabaccheria dicono che i pali della luce lato Casinò sono oramai vecchi e parlano anche di un certo lezzo che si sprigiona quando piove. Addirittura in caso di forti precipitazioni dalla fogna riemergerebbe liquame. «Sono qui dal 1978 e già allora la situazione del tratto iniziale di corso Imperatrice non era delle migliori. Oggi è molto peggiorata» conclude Abate.

riviera24 - Degrado di corso Imperatrice in faccia al Casinò

 

Più informazioni su