Mancata riapertura del Sanremo Bay Club: interpellanza di Fratelli d’Italia al sindaco Biancheri

Il noto locale notturno estivo matuziano dà lavoro a 65 dipendenti

Sanremo. I consiglieri comunali di Fratelli d’Italia,  Federica Cozza e Luca Lombardi hanno presentato una interpellanza urgente al sindaco  Alberto Biancheri e alla giunta a proposito della negata autorizzazione a riaprire i battenti nello scorso fine settimana denunciata dalla direzione del Sanremo Bay Club, noto locale notturno matuziano, per presunti ritardi nella procedura dovuti a motivi burocratici, secondo .

Di seguito il testo dell’interpellanza:

PREMESSO che anche il mondo delle discoteche e delle sale da ballo, come tanti altri settori dello spettacolo e dell’intrattenimento, sta vivendo un momento di profonda crisi economica a causa della prolungata chiusura a seguito del lockdown;

RILEVATO che questa situazione ha avuto e continua ad avere pesantissime ricadute anche nella nostra città, dove tanti sono i lavoratori e dipendenti che gravitano a questo mondo – camerieri, dj, musicisti, addetti alla sicurezza, barman, ballerine, imprese di spettacolo – lavoratori per lo più stagionali che, più di altri, si trovano in difficoltà perché meno tutelati dal punto di vista occupazionale ed economico;

SOTTOLINEATO che, a seguito dell’emanazione dei vari provvedimenti statali e regionali che hanno disposto la riapertura delle discoteche, le amministrazioni dei comuni della nostra provincia in tempi eccezionalmente brevi hanno rilasciato le autorizzazioni per riprendere l’attività;

EVIDENZIATO che tale modus operandi, secondo quanto riportato dai mezzi stampa l’11/07/2020, non è stato seguito dalla nostra amministrazione tanto che il Bay Club, una nota discoteca di Sanremo che da lavoro a circa 65 dipendenti, dopo aver a fatica riaperto una settimana fa è stato costretto a chiudere nuovamente i battenti perché la Commissione comunale di vigilanza locali, non essendosi più riunita, non ha ancora rilasciato l’autorizzazione che consentirebbe lo svolgimento dell’attività di ballo e pubblico spettacolo nel pieno rispetto delle misure di sicurezza sanitarie previste per l’emergenza COVID 19, e questo nonostante la richiesta sia stata presentata da tempo dalla direzione della discoteca;

RICORDATO che tra i vari compiti della Commissione comunale di vigilanza c’è quello di accertare gli aspetti tecnici di sicurezza e di igiene;

INTERPELLANO
con urgenza il Sindaco e la Giunta

per conoscere i motivi per cui il Presidente della Commissione comunale di vigilanza locali da tempo non convochi detta Commissione, bloccandone di fatto i lavori che le competono, come ad esempio quello relativo al rilascio dell’autorizzazione a svolgere attività di ballo e pubblico spettacolo, autorizzazione da tempo attesa dalla discoteca in questione la quale, vista l’inerzia della Commissione, ha dovuto chiudere nuovamente con il rischio di non riuscire più a garantire, in futuro, il posto di lavoro ai suoi circa 65 dipendenti.