Imperia, Vincenzo Curinga vince il Trofeo Kinder under 10

Il badalucchese ha portato a termine il torneo, valido come prova regionale, sconfiggendo gli avversari del tabellone e vincendo la finale contro Valentino Lanteri

Imperia. Malgrado il periodo di lockdown si è concluso lunedì il Trofeo Kinder under 10 presso il Circolo Tennis di Imperia, valido come prova regionale Liguria, per poter accedere ad agosto alle finali italiane a Roma. Iniziato a febbraio, e interrotto poter ovvi motivi, si è ripreso solo la settimana scorsa.

Il badalucchese Vincenzo Curinga, figlio del campione motococlistico Francesco, ha portato a termine il torneo, sconfiggendo gli avversari del tabellone, e arrivando così in finale contro Valentino Lanteri, tennis club Taggia; una super vittoria portata a casa in 2 set, 4/0 e 4/1.

I sacrifici quotidiani di Vincenzo e del suo allenatore Leopoldo Di Giacomo sono stati ripagati da questa vittoria; e proprio Leopoldo ci racconta: «È un progetto dove cerco di dare delle indicazioni precise sia sul piano tecnico che quello tattico. Per potere affrontare la competizione e in partita per osservare come risolvere le problematiche che Vincenzo si troverà ad affrontare, perché la partita è legata a vincere o a perdere, però spesso la sconfitta per lui può diventare più importante della vittoria; io devo insegnargli che i problemi li potrà risolvere da solo e per questo stiamo lavorando molto sull’atteggiamento, che vale il 70% di tutto.

L’obiettivo è la crescita di Vincenzo e non la vittoria, per questo il progetto che lo coinvolge è un un’insieme di ore di allenamento in settimana ma soprattutto di capire come risolvere i problemi dentro un campo da tennis divertendosi; lui ha anche la fortuna di potersi allenare 2 volte alla settimana nel Center di Piatti, insieme a veri campioni. Adesso ci saranno una serie di tornei compreso i campionati regionali liguri e il master finale a Roma in agosto del Kinder. Mio dovere, e a nome della famiglia Curinga, ringraziare anche il Comune Montalto-Carpasio, per la concessione del campo da tennis quotidianamente”».

Vincenzo, oggi 9 anni, ci dice di essere felicissimo per se stesso e per il suo maestro, e spera di aver reso felice tutta la tifoseria che lunedì si è presentata per guardarlo, Dino e Antonella, il suo maestro della prima elementare Dino, il suo amichetto Stefano, il suo nonno Biagio e i suoi genitori. E ci saluta con queste parole: «So che questo è solo l’inizio di un percorso in cui credo molto, in cui incontrerò molti ostacoli, sono piccolo, ma con il mio maestro accanto tutto sarà più semplice. Mi impegnerò e cercherò di dare sempre il meglio, e quando perderò comunque imparerò qualcosa. Grazie maestro Leo e grazie ai miei genitori che mi permettono tutto questo».