Imperia, Teknoservice al veleno contro Scajola: «Un successo la nostra gestione dei rifiuti»

Raggiunta la percentuale del 72 per cento di raccolta differenziata, il 16 luglio parte il nuovo servizio

Imperia. La Teknoservice, gestore del servizio di igiene urbana, replica alle infondate accuse, riportate da alcuni media, lanciate dal sindaco di Imperia, Claudio Scajola, forse troppo impegnato in attività di marketing politico.

«Scajola probabilmente è distratto e non si ricorda dei tanti sacrifici fatti assieme alla sua squadra di governo – spiega Alberto Garbarini, direttore generale della Teknoservice – per raggiungere la percentuale di raccolta differenziata che ora, tra l’altro, si attesta al 72%. Un risultato, dunque, raggiunto grazie all’impegno dell’azienda, degli operatori ed anche dei cittadini responsabili. Dimentica Scajola quando la raccolta differenziata era al 35%, quando i nostri operatori erano costretti nel corso di una stessa giornata a svuotare più volte i cestini, senza costi aggiuntivi, per colpa dell’inciviltà di alcuni cittadini.

Oggi la città di Imperia ha raggiunto il 72% di raccolta differenziata, uno dei pochi capoluoghi di provincia a ottenere un simile risultato. Un successo dettato dalla capacità organizzativa della Teknoservice che, ogni giorno, si è impegnata per il decoro urbano della città. Per raggiungere tale risultato la nostra azienda ha messo in campo risorse consistenti, i vertici della società hanno partecipato ad ogni incontro promosso dall’Ente e, in ogni modo, sono stati in prima linea per avviare il passaggio del servizio di raccolta rifiuti, da stradale a porta a porta spinto. Un impegno efficace, lottando tutti i giorni fra gli innumerevoli problemi e ostacoli sollevati dagli utenti non abituati al sistema porta a porta, dagli esercizi commerciali, dagli amministratori dei condomini e dallo stesso Comune che non ha voluto rinunciare ad alcune isole di prossimità».

Continua ancora il direttore generale della Teknoservice: «Siamo stati sempre noi ad inviare le segnalazioni alla Polizia Locale, denunciando gli abbandoni incontrollati di alcuni cittadini incoscienti e ad eseguire con la stessa polizia giudiziaria, che ha sempre dimostrato una grande collaborazione, i sopralluoghi per le rimozioni giornaliere dei rifiuti accumulati. Oggi, purtroppo, Scajola dimentica l’impegno della nostra azienda e accusa, senza valide ragioni, un gruppo industriale leader in Italia nella gestione dei servizi ambientali. La città di Imperia, grazie al contributo della Teknoservice, ha fatto un salto di qualità straordinaria raggiungendo brillanti risultatati di raccolta. Rimandiamo al mittente le accuse e, in piena coscienza, possiamo affermare di aver lavorato con professionalità al servizio della comunità».