Quantcast

Dal 2021 lungo le strade della Classicissima 34 murales per celebrare i suoi campioni fotogallery

Ma è subito polemica, Filippo Guasco sindaco di Cipressa: «La salità è la "Cipressa" da sempre se si aggiunge Costarainera abbandono il tavolo»

San Lorenzo al Mare.  Un testimonial d’eccezione, Niccolò Bonifazio, per presentare i 34 murales raffiguranti i campioni che hanno legato il loro nome alla Milano-Sanremo e che a partire dalla edizione 2021 della Classicissima abbelliranno i percorsi, in particolare la “Cipressa” e il “Poggio”, muri e vasche. 

milano -sanremo murales salita della cipressa

Il progetto che vede la partecipazione di 5 comuni: San Lorenzo, Cipressa, Costarainera, Sanremo e Ospedaletti è stato presentato dal suo curatore, l’ingegnere brianzolo appassionato di ciclismo e della Riviera Fausto Pella.

I “quadri” raffiguranti tra gli altri Costante Girardengo, Eddy Merckx, Beppe Saronni,  il pirata Marco Pantani, ma anche lo stesso Bonifazio che detiene il record conseguito nel 2017 di discesa della Cipressa e che costituiranno un vero e proprio museo a cielo aperto, saranno realizzati nei prossimi mesi (agosto, settembre e ottobre) se arriveranno le autorizzazioni, dal duo artistico formato da Elisabetta Colombo e Maurizio Taggiasco, in arte Jori e Gioia.

Non sono mancati un po’ di “mal di pancia” durante la conferenza stampa a proposito della paternità della salita che si inerpica da San Lorenzo: salita della Cipressa o di Costarainera, a seconda dei comuni attraversati.

La polemica ultradecennale è stata rispolverata dal sindaco di Cipressa Filippo Guasco. «Se qualcuno pensa -ha detto Guasco rivolgendosi evidentemente al primo cittadino di Costarainera Antonello Gandolfo che sedeva dietro di lui – di aggiungere il nome di Costarainera io abbandono il tavolo. La “Cipressa” si chiama così da 30 anni e deve rimanere tale».