Covid-19, fino a 2000 euro per chi era in prima linea. «Al più tardi entro agosto»

La cifra totale è di circa 21 milioni di euro (9 finanziati dalla Regione, il resto dal Governo) per 16mila tra medici, infermieri, operatori e tecnici

Genova. Saranno erogati fino a 2 mila, come premio, per ogni operatorio sanitario ligure impegnato nell’emergenza causata dalla pandemia di covid-19.

Ieri, infatti, la Regione ha siglato un accordo con quasi tutte le sigle sindacali del comparto.

Oggi, l’assessore alla Sanità, la Ventimigliese Sonia Viale, ha presentato nel dettaglio il piano d’azione.

La cifra totale è di circa 21 milioni di euro (9 finanziati dalla Regione, il resto dal Governo) per 16mila tra medici, infermieri, operatori e tecnici.

Secondo quanto scrive Genova24.it La ripartizione avverrà in tre fasce a seconda della “vicinanza” con il virus. fascia A sarà quella dei reparti più colpiti (tra cui malattie infettive, pneumologia, le strutture di pronto soccorso) che nei prossimi mesi si vedranno accreditare 1.400.

Nella fascia B saranno compresi i reparti “non Covid” in cui però è stato registrato almeno il 10% di giornate di degenza complessive per coronavirus nei mesi di marzo e aprile: per il loro personale è previsto un premio di 800 euro. Infine la fascia C, tutti coloro che hanno agito dietro le quinte, come gli amministrativi, che riceveranno 400 euro in più in busta paga.

«Al più tardi mi auguro che arrivino nella busta paga di agosto ma se corriamo veramente anche in quella di luglio», ha dichiarato l’assessore Viale.