Quantcast

Coronavirus, ecco il protocollo operativo Fpi per l’allenamento di pugilato con contatto

«Adesso è il momento dell’ulteriore manovra economica a sostegno delle società che sarà definita entro la fine del mese di luglio»

Genova. Il pugilato riparte. Ci siamo. La Federazione Pugilistica Italiana potrà riprendere tutte le attività di allenamento con contatto.

«Grazie ai rapporti con le istituzioni preposte ed a seguito del DPCM dell’11 giugno 2020, la FPI, nel richiamare l’esigenza ad un approccio sempre cauto e prudenziale, ha integrato il “Protocollo Operativo per l’allenamento di pugilato in emergenza Covid-19” (fpi_protocollo_operativo_attivita___di_allenamento_del_pugilato_regioni) che costituisce il documento di riferimento per la ripresa degli allenamenti con contatto (guanti, sparring e figure).

Si precisa che questo protocollo non sostituisce in alcun modo le disposizioni delle Autorità Preposte, alle quali ogni singola Organizzazione Sportiva è tenuta al rispetto, e sono valide in funzione delle relative Ordinanze Regionali. Pertanto, nelle regioni in cui è stato dato il via libera saranno autorizzate, a partire dal 15 luglio, le riunioni pugilistiche ed il nostro movimento tornerà a vivere.

Le società ed i tecnici dovranno seguire i Protocolli – redatti dalla Federazione e pubblicati sul sito istituzionale F.P.I. – il cui contenuto è stato reso semplice ma allo stesso tempo efficace nella prevenzione dell’epidemiologia in atto. Non è stato facile ma alla fine ha prevalso la caparbietà del presidente Vittorio Lai e della sua squadra di governo che – in questi drammatici mesi di emergenza Covid – hanno combattuto per ridare alle nostre Società la dignità di esistere.

Adesso è il momento dell’ulteriore manovra economica a sostegno delle società che sarà definita entro la fine del corrente mese di luglio e che sarà finalizzata alla ripresa dell’attività pugilistica e ad un ulteriore ristoro di alcuni costi contratti dalle nostre società affiliate. Il movimento pugilistico è vivo e forte e la Federazione ne accompagna il suo rilancio» – fa sapere Flavio D’Ambrosi.