Quantcast

Sanremo rivuole il tribunale, il consiglio comunale vota proposta della Lega

L'ordine del giorno del consigliere Daniele Ventimiglia passa all'unanimità

Sanremo. Sì all’unanimità da parte del consiglio comunale all’ordine del giorno della Lega sulla riapertura del tribunale presentato dal capogruppo Daniele Ventimiglia. La proposta, portata all’attenzione del parlamentino matuziano (nuovamente riunitosi a Palazzo Bellevue), è approdata dopo che a livello parlamentare l’onorevole del Carroccio Flavio Di Muro, in veste di segretario della commissione giustizia, è riuscito a inserire Sanremo tra quelle città che potrebbero ottenere dal governo la riapertura di un palazzo di giustizia soppresso dalla recente riforma dei tribunali. In Liguria, oltre alla Città dei Fiori, solo Chiavari avrebbe potuto beneficiare di questa possibilità, ma a quanto sembra Sanremo sarebbe in posizione privilegiata.

Un’ipotesi, quella della riapertura, che ha unito tutte le forze politiche che compongono l’amministrazione comunale matuziana, con il sindaco Alberto Biancheri che ha avallato l’iniziativa del collega Ventimiglia, rivendicando l’impegno portato avanti sul fronte del trasferimento del giudice di pace (attualmente locato presso gli uffici del Casinò in via Bixio), nella sede di Villa Zirio, da concludersi entro il gennaio prossimo.

Il tema che rimane inevaso è quello di dove ricollocare, eventualmente, il tribunale, visto che la vecchia sede di via Giusti è stata venduta a privati. In passato si era parlato di due location site in Valle Armea: il mercato dei fiori e gli ex macelli. «Era importante, come Comune, dare subito un segnale», ha commentato l’approvazione dell’ordine del giorno il consigliere Ventimiglia.