Sanremo, presto il via libera alla riqualificazione di piazza Eroi. Biancheri: «Inizio lavori entro l’anno»

La delibera attende l'ok dalla società di revisione incaricata di analizzare il piano finanziario e preparare i documenti per la gara d'appalto

Sanremo. Questione di un paio di settimane e anche il progetto di riqualificazione di piazza Eroi Sanremesi dovrebbe approdare in giunta comunale per il primo via libera ufficiale al progetto che prevede la realizzazione di un parcheggio interrato e di nuova piazza.

A confermarlo è il sindaco Alberto Biancheri che in questi ultimi giorni si è sentito con i tecnici (in videoconferenza) per approfondire l’ultimo aspetto dell’iter amministrativo in corso, consistente nell’analisi del piano economico finanziario dell’opera pubblico-privata (analisi affidata allo studio legale Osborne Clarke di Milano), da realizzare – stile palazzetto dello sport di Pian di Poma – con la “tecnica” del leasing in costruendo: il privato, soggetto promotore, si fa carico di progettare e realizzare l’infrastruttura, mentre il Comune inizia a corrispondere un canone mensile, fino al saldo definitivo, a partire dal momento della consegna della stessa “chiavi in mano”.

Progetto messo in cantiere verso la fine dell’amministrazione Biancheri uno, il restyling di piazza Eroi prevede la costruzione di un park sotterraneo da 300 posti e l’intera rivisitazione della parte sulla superficie (oggi interamente occupata dai parcheggi delle auto e delle moto). Nelle intenzioni dei progettisti, la zona all’aperto dovrebbe diventare un’agorà che andrebbe a unire idealmente il mercato annonario a via Matteotti, formando un collegamento pedonalizzato che in un futuro si spera possa prolungarsi fino all’area di un rinnovato Porto Vecchio.

«Stiamo completando la valutazione del piano economico finanziario per verificare la sostenibilità economica del progetto, spiega il sindaco. E’ un’opera che vorrei partisse domani, perché la ritengo di fondamentale importanza. Va a inserirsi a pieno titolo in un’idea di sviluppo di città che è iniziata con il rifacimento di piazza Muccioli e Siro Carli e continuata con la riqualificazione straordinaria del mercato annonario».

I dati economici del project in questione vedono in oltre 8,5 milioni il valore del restyling che Palazzo Bellevue si impegna a ripagare in 20 anni. Secondo i calcoli a disposizione dell’amministrazione comunale, gli stalli interrati dell’ente frutterebbero al Comune dai 600 ai 900 mila euro all’anno. Una cifra vicina a quella introitata a oggi per i 200 posti presenti nell’analoga struttura del Palafiori di corso Garibaldi. «Mi auguro che i lavori possano partire entro l’anno per poi vederli concludere nel range temporale del mio secondo mandato», aggiunge il primo cittadino.

Quello in discussione non è il primo tentativo fatto dai privati di sollecitare un intervento simile in piazza Eroi. Altri progetti, non andati a buon fine, come quello dalla Sices di Ermanno Caldarelli, risalgono a più di trent’anni fa. A febbraio scorso, invece, era arrivata in municipio la proposta della bolognese Cooperativa Edile Appennino che tra i partner finanziari annovera BancaImpresa, lo stesso istituto di credito che gioca il medesimo ruolo di soggetto finanziatore anche nel progetto del Palasport.