Imperia, flash mob contro la sentenza di assoluzione per il caso di Martina Rossi fotogallery

Le donne del movimento "Non una di meno" hanno scandito cori e slogan

Imperia. Hanno manifestato e scandito lo slogan: stamattina donne e uomini di sinistra facenti capo al  movimento “Non una di meno” del Ponente ligure si sono dati appuntamento davanti al Tribunale del capoluogo.

Flash mob contro la sentenza di assoluzione per il caso di Martina Rossi

Nel mirino la sentenza di assoluzione di Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni, i due giovani di Castiglion Fibocchi in provincia di Arezzo  processati e assolti dalla Corte di Appello di Firenze per la tentata violenza di gruppo nei confronti di Martina Rossi, la giovane imperiese morta nell’agosto del  2011 precipitando dal balcone di un albergo di Palma di Maiorca. Titolo del flash mob”Lo stupro non si assolve“,  la stessa protesta è andata in scena anche a Genova e a  Firenze.

«Bisogna tornare in piazza per riportare l’attenzione sulla violenza di genere. Noi abbiamo deciso di farlo per Martina Rossi. L’assoluzione di Vanneschi e Albertoni è stata una ingiustizia enorme. La verità si conosce, questi due ragazzi sono assolutamente colpevoli e uno di loro si è pure permesso di nominare Martina, di dire che finalmente sarà contenta perché è stata fatta giustizia. Queste parole devono tornare indietro. Questa è l’ennesima sentenza di una giustizia patriarcale», ha dichiarato Ines, portavoce del movimento “Non una di meno” del Ponente ligure.