Fase 2, Rixi (Lega): «Inaccettabile l’isolamento della Liguria, Mit batta un colpo»

«A farne le spese, oltre ai cittadini, sono le imprese, i professionisti e tutto il tessuto economico»

Genova. «Un serpentone di cantieri autostradali, collegamenti Alitalia con Roma dagli orari improbabili che suonano come una presa in giro, treni a lunga percorrenza riattivati col contagocce: la Liguria ha inaugurato questa fase 2 all’insegna dell’isolamento, altro che apertura dei confini.

A farne le spese, oltre ai cittadini, sono le imprese, i professionisti e tutto il tessuto economico penalizzato anche rispetto ai competitors di altre regioni in cui i collegamenti tra principali hub aeroportuali e alta velocità sono ripartiti. Per il prossimo fine settimana, che dovrebbe corrispondere al riavvio tanto agognato anche della stagione turistica, è già previsto il ‘bollino rosso’ e non tanto per un boom di flussi o prenotazioni, ma perché i collegamenti sono già full. Non è accettabile che il Mit non dia risposte alle tante interrogazioni e sollecitazioni arrivate dal territorio ligure a cui ormai da settimane non è garantita la continuità territoriale». Lo dichiara il deputato e responsabile nazionale Infrastrutture della Lega Edoardo Rixi.