Cervo, padre e figlio si ribaltano in barca: salvati dalla Capitaneria di Porto foto

I militari hanno predisposto l'intervento di un gommone che si trovava in zona, per mettere in sicurezza i due naufraghi

Cervo. La Capitaneria di Porto di Imperia è intervenuta intorno alle 13 per soccorrere un uomo e suo figlio a bordo di una barca vela lunga poco più di 4 metri che si è ribaltata subito dopo essere uscita dal porticciolo dei Corallini, a Cervo. I due, entrambi di Saluzzo, in provincia di Cuneo, avevano perso il controllo del natante, probabilmente a causa di un colpo di vento, di una manovra errata o di una distrazione.

Sul posto era presente una motovedetta della Guardia Costiera che stava svolgendo un servizio di prevenzione nell’ambito dell’operazione Estate Sicura. I militari hanno predisposto l’intervento di un gommone che si trovava in zona, per mettere in sicurezza i due naufraghi. L’imbarcazione, che padre e figlio non erano riusciti a rimettere in galleggiamento, è stata poi trainata fino a riva. In un primo istante si era offerto di intervenire anche un “pattino”, ma per la capitaneria il mezzo non è stato ritenuto idoneo.

La Guardia Costiera ricorda che per eventuali emergenze in mare è disponibile il numero verde 15.30.